Maradona gli si scaglia contro. Scopri chi è il bersaglio

Maradona spara, senza peli sulla lingua:"Non deve essere la terza scelta, ma addirittura la settima!".

0
419
A picture taken on April 21, 2016 in Paris, shows the jersey of the Italian national football team for the UEFA Euro 2016 European football championships. / AFP / FRANCK FIFE (Photo credit should read FRANCK FIFE/AFP/Getty Images)

Icardi-Maradona, una battaglia infinita. Non si placa la continua polemica tra l’attaccante argentino capitano dell’Inter e la leggenda del calcio albiceleste, che proprio non pare sopportare il centravanti nerazzurro e marito di Wanda Nara. Il motivo di tale ritrosia, peraltro, nasce proprio dalla love story tra uno dei centravanti più forti del mondo e la sexy showgirl, ai tempi sposata con Maxi Lopez, compagno di squadra proprio di Icardi, che non esitò a tradire l’amico ai tempi della Sampdoria. Proprio da quell’episodio si scatenò un’ondata mediatica di polemiche che esplosero non solo in Italia, ma anche in Argentina, con Maradona che al termine di una partita per la pace, non esitò a dichiararsi assolutamente contrario alla sua presenza, nonostante si parlasse di una partita di beneficenza.

Non è certo un esempio da seguire. I due si sono beccati anche nel recente passato, in occasione di un’ulteriore manifestazione di beneficenza, quando all’ennesima provocazione di Diego Armando Maradona (che pure in quanto a passato burrascoso non ha di certo rivali), Icardi sbottò, ammettendo: “Non è certo un esempio da seguire”. Adesso il nuovo attacco arriva direttamente dalle colonne di ‘La Nacion’, quotidiano argentino. El pibe de oro come sempre non usa giri di parole: “Lasciamo Mauro Icardi lontano dalla nazionale. Piuttosto che convocare Icardi, chiamo Bazan Vera”. Maradona irride il capitano dell’Inter riferendosi a un ex giocatore di 44 anni e poi aggiunge: “Icardi deve essere non la quarta, ma la settima scelta. Il suo agente ha pure chiamato il ct argentino Bauza… Pratto mi piace già molto, Icardi teniamolo pure fuori”.

L’astio de “el pibe de oro”. Sicuramente una dichiarazione coraggiosa, tenendo conto soprattutto delle caterve di gol che Icardi, al netto di gossip, selfie e dichiarazioni al veleno, sta mettendo a segno da anni con la maglia dell’Inter, imponendosi come uno dei centravanti più prolifici del mondo, ma ancora a secco di presenze con la maglia della sua selezione nazionale, che tra l’altro può vantare in attacco nomi del calibro di Messi, Higuain, Aguero e Di Maria. Insomma, per l’impiego di Maurito in Argentina, ci sarà da combattere non solo una concorrenza agguerritissima, ma anche l’astio di un mito popolare come Diego Armando Maradona.

SHARE
Trentatreenne salernitana, con così tanti sogni nel cassetto che è stato necessario costruire una cabina armadio per contenerli tutti! Si occupa di comunicazione, informazione e formazione. Ha fondato la web agency Ok Comunicare ed è appassionata di letteratura, cinema, fotografia, decoupage. E' giornalista pubblicista e in costante aggiornamento circa le dinamiche evolutive legate ai social network sites.

COMMENTA