Corea del Sud avverte la Corea del Nord di non lanciare il satellite

Corea del Nord

La Corea del Sud avvisa la Corea del Nord delle conseguenze del lancio di un satellite tramite missili balistici

La Corea del Nord ha informato il martedì organizzazioni internazionali che ha tutti i piani pronti per lanciare un satellite di osservazione della Terra tramite un razzo tra le 8 febbraio e il 25, nonostante il disappunto da parte dei suoi vicini coreani e di Washington.
La Corea del Sud ha avvertito infatti la Corea del Nord delle conseguenze “brucianti” se il governo di Pyongyang non abbandona l’intenzione di lanciare un razzo a lungo raggio, definito dagli esperti come un test vietato di tecnologia dei missili balistici.
La dichiarazione di lancio, segue la vicenda assai contestata del 6 gennaio, quando la Corea del Nord ha testato una bomba all’idrogeno, segnando il quarto test nucleare del paese. Un lancio sarebbe visto come un affronto anche da parte dell’unico grande alleato della Corea del Nord, la Cina, il cui rappresentante per gli affari coreani si trova già in territorio coreano da martedì.
I funzionari della Corea del Sud e degli Stati Uniti ha detto che il lancio potrebbe minacciare la sicurezza regionale e violare le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza ONU che vietano al paese di impegnarsi in qualsiasi attività balistica.
Avvertiamo che se la Corea del Nord procede con il lancio di un missile a lunga gittata, la società internazionale farà in modo che il Nord paghi delle conseguenze brucianti, dal momento che il lancio costituirebbe una grave minaccia per la penisola coreana, la regione e il mondo,” ha dichiarato Cho Tae-yong, ufficiale presidenziale della Corea del Sud in un discorso televisivo.
Corea del Nord
Anche Ban Ki-moon, attuale segretario dell’ONU, ha esortato la Corea del Nord “a non utilizzare la tecnologia dei missili balistici e lavorare per la pace e la stabilità“. Aggiungendo che l’eventuale lancio potrebbe “aggravare ulteriormente le profonde preoccupazioni che la comunità internazionale ha già sulla scia del recente test nucleare“. Anche la Russia si è unita all’ONU, affermando in una dichiarazione ufficiale che la Corea del Nord “sta mostrando un disprezzo lampante delle norme generalmente riconosciute del diritto internazionale” e ha esortato il governo di Pyongyang a “valutare realisticamente tutte le conseguenze negative di tali mosse cieche“.
La Corea del Nord ha speso decenni cercando di sviluppare armi nucleari operative con missili in grado di colpire la terraferma degli Stati Uniti.

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI