Blitz fra Trabia e San Mauro, 33 arresti nell’operazione Black Cat

blitz fra Trabia e San Mauro

Non sono bastate le inchieste e i processi di mafia, e cosa nostra si riorganizza a cominciare dai piccoli centri della provincia di Palermo. I boss hanno un solo obiettivo: controllare il territorio imponendo il pizzo e subentrando negli appalti. Le ultime indagini sulla mafia della provincia di Palermo hanno fatto scattare un blitz fra Trabia e San Mauro Castelverde che ha portato all’arresto di 33 persone.

Le ordinanze emesse dal gip accusano i soggetti di associazione di tipo mafioso, delitti di estorsione, rapina, furto, illecita detenzione di armi, intestazione fittizia di beni e trasferimento fraudolento di valori aggravati dal metodo mafioso. Due i mandamenti al centro dell’inchiesta: quello di Trabia, con a capo Diego Rinella, e quello di San Mauro Castelverde, comandato da Francesco Bonomo. Si tratta quindi di una mafia che non ha nulla di nuovo, e il blitz fra Trabia e San Mauro ha rivelato che cosa nostra si sta riorganizzando, partendo proprio dai centri piccoli, per cercare di passare inosservati.

Le indagini sono state coordinate dal procuratore aggiunto Leonardo Agueci e dai pm Alessandro Picchi, Sergio Demontis, Bruno Brucoli, Siro De Flammineis, Ennio Petrigni e Gaspare Spedale, e hanno portato alla scoperta dei nuovi traffici tramati da cosa nostra e hanno permesso di ricostruire dettagliatamente tutto ciò che accadeva in queste aree, che erano tenute sotto stretto controllo dai boss con intimidazioni, minacce ed estorsioni agli imprenditori che cercavano di resistere alle loro richieste di pizzo. Nell’ambito del blitz fra Trabia e San Mauro sono stati sequestrati beni per circa un milione e mezzo di euro, appartenenti ai capi dei mandamenti, Rinella e Bonomo, e sono emersi particolari come le minacce al sindaco di Cerda, che hanno piegato distruggendo tre sue auto sotto casa. Al telefono lo minacciavano dicendo: “Ci dobbiamo prendere il paese nelle mani”, inconsapevoli di essere intercettati dai carabinieri.

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI