Cairo, offerta per rilevare Rcs. L’editore pensa in grande

cairo rcs
Urbano ci prova!
Potrebbero esserci importanti novità in casa Rcs dopo l’annuncio di uscita di Exor, che ha deciso di rinunciare al suo 16% per iniziare una nuova avventura con l’Espresso, che si fonderà con Itedi, la società editoriale di proprietà della famiglia Agnelli. Cairo, già socio col 4,6% del gruppo Rcs ha lanciato un’offerta pubblica per ottenere la maggioranza del gruppo, con una proposta di scambio sulla totalità delle azioni di Via Rizzoli, che offre un corrispettivo di 0,12 azioni alla Cairo Communication per ciascun titolo Rcs, che consegnerà 8,333 azioni Rcs ogni titoli Cairo, valorizzando così le azioni Rcs.
Ipotesi altro grande gruppo editoriale
Con tale mossa Cairo è intenzionato a scalare il gruppo e creare una sinergia editoriale multimediale e rafforzare il profilo economico-finanziario, accelerandone il processo di ristrutturazione e rilancio: “La nostra è un’operazione di mercato, non un’Opa ostile: vogliamo tenere dentro i vecchi soci per beneficiare con me degli eventuali introiti di Rcs, una volta ristrutturata. Abbiamo valutato Rcs 770 milioni, che scalati i 90 della vendita Rcs libri a Mondadori fanno quasi 700: il doppio di quanto capitalizza in borsa il gruppo Espresso.
Fuori l’offerta pubblica
Venerdì – ha spiegato Cairo – abbiamo fatto un comunicato sull’offerta pubblica di scambio: oggi fare previsioni su come finirà è difficile. Ma voglio dire che non è un’Opa per scalare, ma un’ operazione di mercato: vogliamo tenere dentro i vecchi soci” La Borsa ha accolto favorevolmente l’offerta di Cario, salendo del +23%,, e scommette ora in una controfferta degli altri soci che potrebbe innescare una battaglia per mettere le mani sul gruppo Rcs: detto fatto i soci Rcs, presi in contropiede dalla mossa di Cairo intendono ora non aderire, considerando l’offerta troppo bassa, e lavorando quindi per far alzare il prezzo. L’iniziativa di Cairo, già editore anche di La7, è ora quindi sotto i riflettori, visti i vertiginosi rialzi in borsa dovuti alle trattative in corsa: stesso discorso per Mediaset, che ha ceduto il suo pacchetto Premium ai francesi di Vivendi.
Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI