Metà della popolazione entro il 2050 sarà miope

miope

Metà della popolazione mondiale sarà miope entro il 2050, con addirittura un elevato rischio di cecità, secondo uno studio sul rapido aumento dei casi attuali. I ricercatori stimano che il fenomeno interesserà circa il 55,1 per cento della popolazione tra l’Australia e l’Asia tra qualche decennio.
Il rapido aumento della miopia si considera essere in gran parte dovuto al fatto che le persone spendono meno tempo all’aperto e più tempo utilizzando dispositivi elettronici.
I risultati indicano che si sta per creare un grave problema di salute pubblica, come afferma l’autore dello studio, il dottor Brien Holden del Vision Institute alla University of New South Wales Australia, che ha collaborato con alcuni esperti del Singapore Eye Research Institute.
Lo studio, pubblicato sulla rivista Ophthalmology, prospetta scenari davvero preoccupanti: fino a un quinto della popolazione mondiale andrà incontro anche ad un aumento del rischio di cecità, se le tendenze attuali si confermeranno.
Il numero di individui che perderà la vista a causa della miopia aumenterà di sette volte entro il 2050, facendo della miopia una delle principali cause di cecità permanente in tutto il mondo.
miope
La pianificazione di servizi sanitari per la cura degli occhi e della vista dovrà gestire il problema e contenere il rapido aumento, occorre inoltre sviluppare dei trattamenti per controllare la progressione della miopia, consigliano gli autori.
Abbiamo anche bisogno di assicurarci che i nostri figli ricevano una visita oculistica regolare da un optometrista o un oculista, preferibilmente ogni anno“, ha detto il co-autore della ricerca, il professor Kovin Naidoo.
Nei casi in cui si riscontra un elevato rischio, è importante fare ricorso a strategie preventive come l’aumento del tempo e delle attività trascorse all’aria aperta; e in concomitanza occorre ridurre drasticamente il tempo speso per tutte quelle attività a breve distanza (TV, smartphone, console) che richiedono una costante messa a fuoco.
Inoltre, ci sono altre opzioni, come le lenti appositamente progettate per occhiali e lenti a contatto o gli interventi dei farmaci, ma è necessario un aumento degli investimenti nella ricerca per migliorare l’efficacia e l’accesso a tali interventi“, ha concluso Kovin Naidoo.

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI