Scontro tra treni in Baviera: 9 morti, più di 90 i feriti

baviera

Due treni pendolari si sono scontrati frontalmente in Baviera nel sud della Germania. Nello spaventoso schianto ben 9 persone hanno perso la vita, mentre a 90 ammonta il numero dei feriti. Lo scontro è avvenuto perché un sistema di frenata automatico di sicurezza a quanto pare non ha funzionato, questo è quanto il ministro dei trasporti tedesco ha detto ai giornali.

I treni regionali si sono scontrati poco prima delle 7 del mattino, sulla singola linea che corre vicino a Bad Aibling, nello stato tedesco della Baviera. riprese aeree dall’APTN hanno mostrato che il forte impatto ha spaccato i due treni, triturando quasi il metallo dei vagoni del treno metallo, facendoli schizzare fuori dai binari
baviera
Le prime unità di emergenza sono arrivate sulla scena del disastro entro tre minuti dalla ricezione della chiamata di emergenza, ma con un fiume da un lato e una foresta, dall’altro, ci sono voluti ore per raggiungere alcuni dei feriti tra i rottami. Centinaia di squadre di soccorso con elicotteri e piccole imbarcazioni hanno trasportato i passeggeri feriti verso l’altro lato del fiume Mangfall, dove vi erano le ambulanze in attesa, che li ha dislocati negli ospedali in tutto Baviera meridionale.
I due macchinisti sono quasi certamente morti durante i primi istanti dell’impatto. “Questo è il più grande incidente che abbiamo avuto negli ultimi anni in questa regione”, ha detto il portavoce della polizia Stefan Sonntag.

L’operatore ferroviario tedesco, Deutsche Bahn, ha detto che i sistemi di sicurezza sul tratto ferroviario erano stati controllati di recente, la settimana scorsa, ma il ministro dei Trasporti Alexander Dobrindt ha suggerito che il sistema progettato automaticamente per i freni dei treni, se questi accidentalmente finiscono sulla stessa pista non sembrano aver funzionato propriamente.

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI