Tragedia Carrara, frana costone cava. Due lavoratori sepolti sotto tonnellate di marmo

tragedia carrara

Due padri di famiglia

Purtroppo, come prevedibile, sono stati estratti senza vita, poco dopo l’alba ed intorno alle 08.30, i due corpi dei lavoratori di una cava nei pressi di Carrara, protagonisti sfortunati della tragedia avvenuta ieri, quando dal costone è franata una parete, che ha letteralmente inghiottito i cavatori. Per Federico Benedetti e Roberto Ricci Antonioli, due padri di famiglia, si è temuto subito il peggio, vista l’imponente mole della massa rocciosa; per Giuseppe Alberti, invece, rimasto in sospeso, aggrappato ad una fune, privo di conoscenza, è prontamente intervenuto il 118 che lo ha salvato, stesso ieri, grazie all’ausilio dell’elisoccorso. Ricoverato in rianimazione, ne avrà per 30 giorni. Oggi nella città marmifera è lutto cittadino. I colleghi di tutte le cave dei Monti Apuani, hanno dichiarato sciopero. La procura, dal canto suo, ha aperto un’inchiesta, per omicidio e disastro colposo.

La ricostruzione dei fatti

Altre vittime di questa sciagura sono stati il direttore della cava stessa Carlo Musetti, che appena appreso della notizia, è stato colpito da un infarto ed un collega dei lavoratori sepolti, colto da malore improvviso, per aver assistito alla scena terribile. Questi i fatti: poco dopo l’ora di pranzo, i tre cavatori, esperti e messi in assoluta sicurezza, stavano intagliando con un macchinario apposito un costone di roccia. Poi un boato, come una sorta di terremoto, ha scosso l’intera cava. Tutti sono accorsi per vedere, ma, a parte che per l’operaio rimasto in sospeso a diversi metri d’altezza, per gli altri colleghi non c’è stato nulla da fare. Sono sprofondati per oltre trenta metri ricoperti da tonnellate di massa rocciosa, che li ha letteralmente sepolti.

Le reazioni: Cgil e Governatore Toscana

Sul posto, dal tardo pomeriggio di ieri, sono accorsi familiari, colleghi ed autorità. “Chiederemo al sindaco di Carrara il ritiro della concessione per chi non rispetta le norme di sicurezza in cava – così si è espresso in merito il segretario della Cgil locale Paolo Gozzani -. Quei ragazzi lì non ci dovevano stare; è ora di finirla di raccontare frottole ai lavoratori”. Per il governatore della Toscana Enrico Rossi, subito accorso sul luogo della tragedia è “un incidente inaccettabile!”.

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI