E’ morto Gianroberto Casaleggio, guru del Movimento 5 Stelle

casaleggio

Si è spenta la mente dei Grillini

E’ notizia di oggi la scomparsa, ad appena 61 anni, di Gianroberto Casaleggio, co-fondatore con Grillo del M5s, stroncato prematuramente da una lunga malattia con cui combatteva da tempo. Ad annunciarlo sul suo blog lo stesso Beppe Grillo,che con lui ha condiviso le tappe di un lungo percorso che ha portato alla creazione di un’entità politica rivoluzionaria come il Movimento 5 Stelle, il cui successo e seguito in Italia è arrivato a manifestarsi con il clamoroso risultato delle politiche del 2013, dove i pentastellati ottennero il 25%.

Visionario della comunicazione e della rivoluzione sociale

Personaggio misterioso e sempre dietro le quinte, Casaleggio è stato considerato da molti la vera mente della scalata del M5s, tanto da essere definito il guru e il teorico della filosofia Grillina: esperto di sistemi informatici e web con alle spalle una lunga carriera da manager di società informatiche, dopo aver fondato in proprio la Casaleggio e Associati ha iniziato a collaborare con Grillo alla creazione del suo fortunato blog, condividendo con l’ex showman genovese una nuova visione dell’impegno pubblico, completamente opposta a quella vigente dei partiti, e orientata su tematiche di stampo più prettamente ambientali e civiche. Casaleggio è stato l’autentico fautore di una visione gestionale della politica da concretizzare sul web, attraverso la democrazia diretti dei voti e dei clic in rete, una scelta sempre giustificata e difesa in quanto unico mezzo per avvicinare la gente alle decisioni e alla vita pubblica, spesso accusata di tenersi alla lontana e chiusa nelle stanze del potere.

Testamento virtuale…

Riservato e restio a uscite pubbliche ed interviste, Casaleggio ha sempre sostenuto la deriva spettacolaristica e populista di Grillo, vero animale da palco nei meeting del M5s, ergendosi, secondo le descrizioni di molti, a freddo calcolatore e burattinaio del Movimento, venendo dipinto da alcuni addirittura come vendicativo e spietato. “Sono un comune cittadino che con il suo lavoro e i suoi (pochi) mezzi cerca – dichiarò nel 2012 – senza alcun contributo pubblico o privato, forse illudendosi, talvolta anche sbagliando, di migliorare la società in cui vive”.

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI