Rodolfo Rodríguez celebre torero incornato rimane tetraplegico

0
1180

Il celebre torero Rodolfo Rodriguez è stato incornato domenica durante una corrida. Il famoso torero, 64 anni, conosciuto da tutti anche come ‘el Pana’, finisce la sua carriera tragicamente: infatti, l’uomo ha subito la rottura di tre vertebre cervicali e, nonostante l’intervento chirurgico tempestivo, l’uomo rimarrà tetraplegico. Il terribile ‘incidente è avvenuto in un’arena di Ciudad Lerdo, nel sud del Messico. I medici che lo hanno operato, hanno eseguito un intervento lungo e molto delicato e adesso seguono attentamente le sue condizioni di salute: infatti, hanno detto che Rodriguez non è ancora fuori pericolo, anche se le al momento la salute del torero è stabile.

Rodolfo Rodríguez celebre torero rimane tetraplegico

Rodolfo Rodriguez, icona del Messico, è un uomo che ha vissuto finora una vita molto particolare: carattere irruento ed eccentrico, è stato in carcere ben 7 volte, poi ha raggiunto la fama grazie alle sue esibizioni in arena e si era anche distinto per il fatto che amava volteggiare con un sigaro in bocca. Purtroppo, quando domenica scorsa ha avuto l’incidente, il destino ha segnato al sua vita: il toro lo ha colpito due volte. Infatti, in un primo momento Rodolfo Rodriguez era finito tra le gambe del toro, era uscito, ma poi è voluto ritornare nell’arena per portare a termine la corrida. Il toro lo ha incornato una seconda volta, e in modo ancora più violento, tanto da rompergli le vertebre.

Rodriguez, che non ha mai amato dipendere da alcuno, adesso dovrà adattarsi ad una vita che lo costringe a chiedere obbligatoriamente aiuto: il suo corpo, paralizzato dal collo, in giù, non potrà più permettergli di fare movimenti da solo, e dovrà rivolgersi ad altri per tutte le minime necessità.

Un tragico epilogo per un uomo che ha fatto sognare il Messico con il suo magnifico torear. La notizia ha sconvolto il Messico, anche se, è il caso di dirlo, i toreri e il pubblico che li applaude sanno bene a cosa si va incontro scendendo in un’arena.

SHARE