FCA e PSA hanno formalmente firmato un accordo per la loro fusione.

Fiat

Le case automobilistiche francesi PSA e l’italo-americana Fiat Chrysler hanno dato il loro ok annunciando la firma di un “accordo vincolante” per creare un nuovo gigante globale in un settore in rapido cambiamento.

Secondo un comunicato stampa congiunto, i due partner hanno firmato “un accordo di fusione vincolante” al fine di una fusione paritaria delle loro attività “per formare la quarta più grande casa automobilistica al mondo“.

Tra i primi tre nel mercato automobilistico globale, in termini di numero di veicoli venduti, comprendono oggi il gruppo tedesco Volkswagen, l’alleanza franco-giapponese Renault-Nissan-Mitsubishi e la giapponese Toyota.

La nuova società, con oltre 400.000 dipendenti, ha un fatturato consolidato di quasi 170 miliardi di euro e un giro d’affari annuo di 8,7 milioni di veicoli, con i marchi Fiat, Alfa Romeo, Chrysler, Citroën , Dodge, DS, Jeep, Lancia, Maserati, Opel, Peugeot e Vauxhall.

Questa fusione porterà “maggiori capacità di investimento (…) al fine di affrontare le sfide di una nuova era di mobilità sostenibile” e “genererà sinergie per l’intero anno stimate a circa 3,7 miliardi di euro, senza la chiusura di fabbrica collegata a questa transazione “, assicurano i due partner. “Il completamento della fusione dovrebbe avvenire entro 12-15 mesi.”

È l’unione di due società con marchi emblematici e dipendenti molto determinati. Le due società hanno attraversato momenti difficili e sono diventati grandi gruppi dinamici e intelligenti“, ha commentato da parte sua Mike Manley, CEO di Fiat Chrysler Automobil (CFA).

La nostra fusione è una straordinaria opportunità per assumere una posizione più forte nel settore automobilistico, poiché cerchiamo di dominare la transizione verso una mobilità pulita, sicura e sostenibile e di offrire ai nostri clienti il ​​massimo livello di prodotti, tecnologie e servizi” ha dichiarato Carlos Tavares, presidente del consiglio del gruppo PSA, durante una teleconferenza con i giornalisti.

Sede centrale nei Paesi Bassi

La casa madre della nuova società avrà sede nei Paesi Bassi ma rimarrà quotata a Parigi, Milano e New York. John Elkann, attuale presidente di FCA ed erede della famiglia Agnelli, presiederà il nuovo consiglio di amministrazione, mentre Carlos Tavares diventerà amministratore delegato del gruppo congiunto, secondo i due partner.

La fusione consentirà “risparmi relativi a tecnologie, prodotti e piattaforme” che “dovrebbero rappresentare circa il 40%” dei 3,7 miliardi di euro di indotto, come precisano nel loro comunicato stampa i due gruppi. La nuova società spera anche di risparmiare sugli acquisti (effetto scala e allineamento al miglior prezzo, anche il 40% delle sinergie). “Il restante 20% verrà da altre aree: marketing, IT, spese generali e logistica“, ha affermato la stessa fonte.

Questi risparmi dovrebbero consentire allo stesso tempo “di investire massicciamente in tecnologie e servizi che modelleranno la mobilità del futuro, pur affrontando la sfida delle normative sulle emissioni di CO2“, hanno sottolineato i due gruppi.

Inoltre, ancora prima della fusione, FCA distribuirà ai suoi azionisti un dividendo eccezionale di 5,5 miliardi di euro, mentre PSA distribuirà il 46% nel produttore di apparecchiature elettroniche, secondo il comunicato stampa.

I due produttori avevano annunciato il 31 ottobre di aver concordato all’unanimità il principio di una fusione, in cui gli azionisti dei due gruppi avrebbero condiviso il capitale del 50/50, dopo varie operazioni finanziarie, per formare un nuovo gigante automobilistico globale, senza chiusura di alcun stabilimento produttivo.

Il governo francese, che si era opposto a una fusione tra Renault e Fiat senza l’accordo di Nissan, si dichiarò a favore di tale fusione che avrebbe permesso di effettuare gli investimenti necessari per l’avvento dell’auto elettrica e dei veicoli autonomi, che ammonta a decine di miliardi di euro.

Sembra che le notifiche siano off!