150 anni del quotidiano La Stampa: ecco quanto vale il francobollo emesso per l’occasione!

Francobollo La Stampa

Un altro settore che il Ministero dello Sviluppo Economico ha deciso di onorare coniando dei bellissimi francobolli, è quello della stampa. Abbiamo già visto gli esemplari dedicati al Corriere della Sera e La Repubblica. Oggi invece andiamo a conoscere quello dedicato a La Stampa.

La Stampa fu fondata a Torino il 9 febbraio 1867 e inizialmente aveva il nome di Gazzetta Piemontese. A fondarla furono il giornalista e scrittore Vittorio Bersezio e il politico Casimiro Favale. Il motto del giornale era «Frangar non flectar» (“Mi spezzerò non mi piegherò”) e il prezzo era di 5 centesimi di lire. Nel 1880 la «Gazzetta Piemontese» fu acquistata dal deputato liberale Luigi Roux, che ne assunse anche la direzione.

Nel 1894 divenne comproprietario l’imprenditore e giornalista Alfredo Frassati. Lui affiancò Roux nella direzione e, da condirettore decise di rilanciare il giornale. La testata fu modificata in La Stampa, mentre motto e prezzo restarono immutati.

Nel 2017, in occasione del centocinquantesimo anniversario dalla sua fondazione, il Ministero dello Sviluppo Economico e l’Istituto Poligrafico e Zecca di Stato italiano hanno deciso di emettere un francobollo dedicato proprio al quotidiano La Stampa. Andiamo a vedere insieme come è fatto, dove potete trovarlo e quanto costa.

Caratteristiche, tiratura e valore del francobollo dedicato a La Stampa

Francobollo La Stampa

Si tratta di un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “le Eccellenze del sistema produttivo ed economico”, emesso il 9 febbraio del 2017.

Nella vignetta, entro una sfera, formata da una struttura metallica, è racchiuso un globo tappezzato dai ritagli di un quotidiano su cui campeggia la testata de “La Stampa”. In alto è riprodotto il logo del centocinquantesimo anniversario della fondazione del quotidiano piemontese. Completano il francobollo le date “1867 2017”, la scritta “ITALIA” e il valore “€ 0,95”.

Nel 2017 sono stati emessi ben ottocentomila esemplari di questo francobollo. Un numero davvero alto che, naturalmente, ha contribuito a non far crescere di molto il suo valore filatelico nel tempo.

Oggi, comunque, non è più possibile acquistarlo negli uffici postali e sui canali ufficiali di Poste Italiane. Potete comunque trovarne alcuni pezzi in vendita sui maggiori siti di E-commerce, per cifre che si aggirano intorno ai 2 euro.

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Total
0
Shares