750 euro per questa vecchia moneta! Attenzione se ne avete conservate!

Valore moneta da 10 Centesimi Vittorio Emanuele II

Sicuramente avrete già sentito parlare della moneta da 10 Centesimi Vittorio Emanuele II, conosciuta anche con il nome “Soldone”, “Due Soldi” o “Palancone”- È stata la prima moneta da 10 centesimi coniata per agevolare gli scambi commerciali nel 1862.

La popolazione aveva bisogno di un numero elevato di monete, così il nostro paese ricorse all’aiuto delle Zecche di altri paesi, come quelle di Parigi, Bruxelles, Birmingham o Strasburgo.

I diversi esemplari infatti riportano i marchi di diverse Zecche. Soltanto Parigi e Bruxelles hanno scelto di sono incidere alcun segno di riconoscimento della propria Zecca. Nel caso di Milano troviamo la lettera M, Napoli la lettera N, Torino la lettera T, Birmingham la lettera H e Strasburgo la siglia OM.

Andiamo a vedere quali sono le caratteristiche della moneta da 10 Centesimi Vittorio Emanuele II. È composta in Cu 960/1000 e Sn 40/1000, ha un diametro di 30 millimetri, un peso di 10 grammi e presenta un contorno liscio.

Nella facciata del dritto troviamo il profilo del Re Vittorio Emanuele II rivolto verso sinistra. Quest’ultimo è contornato dalla scritta in stampatello maiuscolo “VITTORIO EMANUELE II RE D’ITALIA”. Infine, sotto il collo del sovrano c’è la firma dell’incisore della moneta, Ferraris.

Nella facciata del rovescio, invece, troviamo il valore nominale al centro scritto su due righe 10 CENTESIMI e subito sotto l’anno di conio della moneta. Il tutto è racchiuso all’interno di rami di alloro e quercia uniti verso il basso da un fiocco e verso l’alto da una stella raggiante. Sotto il fiocco è riportato il simbolo della zecca.

Valore moneta da 10 Centesimi Vittorio Emanuele II

Il valore della moneta da 10 Centesimi Vittorio Emanuele II

Il valore della moneta 10 Centesimi Vittorio Emanuele II varia a seconda di diversi fattori. Innanzitutto lo stato di conservazione, perché come ben sapete una moneta rovinata non potrà mai valere come una perfettamente conservata. Poi dall’anno di conio e dal simbolo della zecca.

Moneta da 10 Centesimi Vittorio Emanuele II del 1862:

Zecca di Milano: MB 2 euro, BB 10 euro, SPL 80 euro, FDC 450 euro. Zecca di Strasburgo: MB 10 euro, BB 50 euro, SPL 150 euro, FDC 800 euro.

Moneta da 10 Centesimi Vittorio Emanuele II del 1863:

Zecca di Strasburgo: MB 2 euro, BB 10 euro, SPL 80 euro, FDC 400 euro.

Moneta da 10 Centesimi Vittorio Emanuele II del 1866:

Milano MB 2 euro, BB 10 euro, SPL 80 euro, FDC 550 euro. Napoli MB 2 euro, BB 10 euro, SPL 80 euro, FDC 400 euro. Torino MB 2 euro, BB 10 euro, SPL 80 euro, FDC 450 euro. Birmingham MB 2 euro, BB 10 euro, SPL 80 euro, FDC 400 euro. Parigi MB 10 euro, BB 50 euro, SPL 100 euro, FDC 800 euro. Strasburgo MB 5 euro, BB 20 euro, SPL 100 euro, FDC 750 euro.

Moneta da 10 Centesimi Vittorio Emanuele II del 1867:

Napoli MB 5 euro, BB 10 euro, SPL 100 euro, FDC 750 euro. Torino MB 5 euro, BB 10 euro, SPL 100 euro, FDC 750 euro. Birmingham MB 2 euro, BB 10 euro, SPL 80 euro, FDC 450 euro. Parigi MB 2 euro, BB 10 euro, SPL 80 euro, FDC 550 euro. Bruxelles MB 2 euro, BB 10 euro, SPL 80 euro, FDC 650 euro.

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Total
0
Shares