Assegno divorzile: gli elementi da considerare per l’importo

Assegno divorzile

Nell’attribuire l’assegno divorzile all’ex coniuge e nel quantificare l’importo del trattamento vanno analizzati, in maniera bilanciata, i rispettivi patrimoni, considerando il vantaggio economico conseguito dall’assegnazione della casa coniugale, anche se il soggetto interessato prende in custodia i figli. In caso contrario, la Corte di Cassazione rinvierà la faccenda meritoalla Corte d’Appello in differente composizione. Lo ha stabilito con una recente ordinanza la stessa Corte Suprema. 

Assegno divorzile: assolve a una funzione assistenziale, compensativa e perequativa

Secondo gli Ermellini, infatti, l’assegno deve assolvere a una funzione assistenziale e, in egual misura, compensativa e perequativa. I giudici confermano quanto già sancito in passato: il trattamento economico va riconosciuto solamente una volta accertata l’inadeguatezza dei mezzi del coniuge richiedente e l’impossibilità di procurarseli per ragioni oggettive. 

La Cassazione spiega la decisione assunta dando direttive in modo più dettagliato nel pronunciamento. È imposta una valutazione comparativa delle condizioni economiche e patrimoniali delle parti, in considerazione del contributo fornito dal coniuge richiedente l’assegno divorziale alla:

  • conduzione del menage familiare
  • costituzione del patrimonio comune  
  • formazione del patrimonio personale di ciascuno degli ex coniugi

Il tutto viene rapportato alla durata del matrimonio e all’età dell’avente diritto.

La casa coniugale costituisce un elemento da prendere in esame per la decisione

Nel momento di conferire l’assegno divorzile, perciò, la Corte d’Appello non deve – secondo la Corte di Cassazione – focalizzarsi esclusivamente sul parametro del mantenimento di un tenore di vita pari a quello goduto nel corso del matrimonio senza effettuare una comparazione adeguata tra i patrimoni dei due ex coniugi. 

Inoltre, è necessario prendere in esame l’assegnazione della casa coniugale. Anche laddove siano coinvolti dei figli minorenni non autosufficienti – riporta il testo dell’ordinanza – tale attribuzione implica comunque un risparmio di spesa che si riflette sulla situazione economica del beneficiario e che va ponderata durante  la determinazione dell’assegno. 

Hai le notifiche bloccate!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.