Bonus baby sitter: categorie interessate, importo massimo

Bonus vacanze

Per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covid-19, il Governo ha varato, in alternativa alla fruizione del congedo parentale, anche il bonus baby sitter. L’indennità è stata concepita allo scopo di garantire supporto relativo ai servizi di baby sitting che le famiglie si trovano ad affrontare a causa della sospensione dei servizi educativi per l’infanzia e delle attività nelle scuole di qualsiasi ordine. 

Bonus baby sitter: chi lo può richiedere

Con la legge di conversazione del decreto Rilancio è stato introdotto l’incentivo per l’iscrizione ai centri estivi, nonché allungato il termine entro cui è possibile avanzarne richiesta. Inizialmente la scadenza era stata fissata per il 31 luglio, ma ora, come da comunicazione dell’Inps, le domande saranno presentabili fino al 31 agosto 2020.

Il bonus per i figli minori di 12 anni e di iscrizione ai centri estivi e integrativi è richiedibile:

  • dagli autonomi iscritti all’Inps;
  • dai dipendenti del settore privato;
  • dagli iscritti alle casse professionali;
  • dagli iscritti alla gestione separata in via esclusiva. 

Inoltre, sono agevolati anche i lavoratori dipendenti del settore sanitario privato e pubblico accreditato, in alternativa al congedo specifico, appartenenti alle seguenti categorie:

  • medici;
  • infermieri;
  • operazioni sociosanitari;
  • tecnici di radiologia medica;
  • tecnici di laboratorio biomedico. 

In via ulteriore, spetta pure al personale del soccorso pubblico, del comparto sicurezza e della difesa impiegato per le esigenze connesse alla pandemia da Coronavirus. 

L’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale eroga il contributo mediante il Libretto Famiglia e per goderne i beneficiari è essenziale registrarsi sul sito dell’ente, nell’apposita sezione, rispettivamente dedicata agli utilizzatori di servizi di baby sitting e di libretto famiglia.

L’importo massimo

L’importo massimo per chi non ha mai presentato domanda ammonta a 1.200 euro che sale però a 2.000 per alcune fasce protette. Una volta accordato il bonus vacanze dall’Inps, il genitore beneficiario ha tempo 15 giorni (solari) dalla comunicazione di accoglimento della domanda per appropriarsene. 

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.