Camper: con la pandemia volano le vendite

Camper

Lo scoppio della pandemia fa schizzare alle stelle le immatricolazioni dei camper: +50% in giugno, +114% in luglio e +104% in agosto. Tale incremento ha permesso alle aziende operanti nel ramo industriale di aumentare, nonostante il lockdown, del 3 per cento le vendite nei primi otto mesi del 2020. 

Camper: volano le vendite

Molti italiani hanno scelto di cambiare gli stili di vita e di vacanza. Anziché appoggiarsi alle catene alberghiere, per garantirsi maggiore sicurezza dinanzi all’emergenza sanitaria, hanno preferito dotarsi di camper. Una scelta che – come spiega a Il Sole 24 Ore Gianni Brogini, direttore marketing di Apc, l’associazione dei produttori di caravan e camper – hanno soprattutto preso coppie giovani con figli e persone in età matura.

La decisione non può essere descritta come d’impulso bensì meditata: il costo di uno dei veicoli oscilla da un minimo di 50/55 mila euro a un massimo di 90 mila, anche se per quelli dotati di ogni comfort si può arrivare fino a 180 mila. In testa alle vendite i caravan, rappresentanti il 60% del totale, seguiti dai van (30%) e dai motorhome (10%).

In netta controtendenza si presenta così il settore a Fiere di Parma; dove, dal 12 al 20 settembre, terrà luogo l’undicesima edizione del Salone del Camper. Nella città emiliana duecento espositori provenienti da ogni parte del mondo daranno vita a quattro padiglioni, occupando una superficie di 61 mila metri quadrati. 

Salone a Parma: top brand annunciati

Tra le grandi compagnie italiane annunciate, Laika, Pla, Sea e Trigano, per un ammontare di sei stabilimenti e oltre dieci marchi. Ciascuna delle aziende, concentrate tra la Toscana, l’Abruzzo e l’Umbria, conta su oltre 200 dipendenti. Insieme alle imprese della filiera generano un fattore di circa un miliardo e mezzo di euro e danno lavoro a 6 mila persone.

E vantano una notevole tradizione manifatturiera, particolarmente apprezzata all’estero, tanto che l’85% della produzione è riservata a soddisfare la domanda proveniente da altri Paesi, in particolare dall’Europa, con in prima fila la Francia e la Germania. 

Hai le notifiche bloccate!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.