Contributi associazioni: quando è obbligatorio comunicarli

Contributi associazioni

Le associazioni possono attingere denaro da varie tipologie di finanziamento, e nonostante nella maggior parte dei casi riguardino entrate provenienti dalle quote sottoscritte dai soci, da raccolte fondi o donazioni, spesso sono attinenti ai contributi pubblici che l’ente ha modo di percepire qualora rispetti specifici requisiti. 

Contributi associazioni: gli iter pubblicitari

Le sovvenzioni elargite alle associazioni devono, tuttavia, assolvere a precisi iter pubblicitari, dettati dalla necessaria notifica all’esterno della destinazione del denaro e del suo contestuale utilizzo. Spesso i contributi variano in relazione ai singoli regolamenti comunali, i quali cercano di regolare l’eventuale distribuzione e impiego delle risorse economiche a specifici affari. 

L’elargizione di denaro sarà ammissibile per:

  • attività di carattere continuativo;
  • singole iniziative od opere.

L’obiettivo rimane sempre quello di assicurare la sopravvivenza di associazioni, istituzioni ed enti comunali di interesse pubblico e particolare rilievo sociale, iscritte presso l’apposito registro comunale; oppure di manifestazioni, iniziative, progetti periodici di importanza considerevole. Quanto sancito è contenuto nella legge annuale per la concorrenza del 2017. 

Obbligo di trasparenza

A partire dal 2018, è obbligatorio pubblicare entro il 30 giugno di ogni anno delle informazioni inerenti a sussidi, contributi, sovvenzioni, aiuti o vantaggi, in natura o in denaro, non aventi carattere generale e privi di natura corrispettiva, risarcitoria o retributiva, versati dalle Pubbliche Amministrazioni e società controllate (escluse le quotate) alle associazioni nell’esercizio precedente. 

Un obbligo che, però, non sussiste laddove l’importo sia inferiore a 10 mila euro nel periodo in esame. La cifra è da considerarsi in senso cumulativo, e deve dunque comprendere qualsiasi tipo di contribuzione ricevuta durante l’esercizio precedente. Se differenti enti dovessero destinare fondi ad una specifica associazione per un importo superiore a 10 mila euro scatterà pertanto l’onere di comunicazione a carico del beneficiario. La nota ministeriale riguarda pure le donazioni del 5×1000. 

Hai le notifiche bloccate!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.