Deflazione: sorpresa ad agosto per l’Eurozona

Deflazione

Eurostat coglie tutti alla sprovvista, con la pubblicazione delle stime flash sull’inflazione dell’Eurozona ad agosto. Ci si aspettava, infatti, una crescita media dei prezzi dello 0,2 per cento su base annua, mentre è avvenuto l’esatto contrario. Una riduzione della stessa entità, la prima da quattro anni. D’altronde in Italia, così come in Spagna, ha tenuto luogo una deflazione dello 0,5%. In Francia, invece, la crescita annua ha subito un brusco rallentamento, dallo 0,8 per cento di luglio al 0,2; mentre i Germania i prezzi sono rimasti sostanzialmente immutati. 

Quale significato è da attribuire alla deflazione

Ma quale significato è possibile attribuire alla deflazione? Che l’economia nell’area sarebbe ben lontana dal risollevarsi. In compenso, il potere d’acquisto dei consumatori aumenta, purché riesca a mantenere intatti i rispettivi redditi. Tale trend compiace probabilmente anche la Banca Centrale Europea. Ufficialmente, Francoforte ha un target vicino, ma lievemente inferiore al 2 per cento. Più ci si distanzia dall’obiettivo, più l’organo istituzionale comunitario è giustificato a intervenire; anzi, è tenuto a farlo, così da non smentire le stime d’inflazione del mercato. 

Da mesi è diffuso il timore che prima della ripresa, spunti la reflazione. In un simile scenario, il complesso dei provvedimenti monetari intrapresi in contrasto alla pandemia da Covid-19 e il potenziale impatto disastrosamente deflattivo, se non ridotto, dovrebbe essere quantomeno “congelato”.

Segnali di apertura

Finché l’inflazione nell’area sarà quasi nulla o persino negativa, Christine Lagarde avrà campo libero nel rafforzare il grado di ammodernamento monetario per scongiurare il rischio di un rapido cambio euro-dollaro. Se così fosse, il costo dei beni importanti diminuirebbe e la deflazione sarebbe ancora più palese, visto il controllo dei consumi interni di questi mesi.

Ad avviso di Isabel Chanel non sussisterebbero fondate ragioni affinché si proceda al cambiamento. Il consigliere esecutivo tedesco ha poi lanciato segnali di apertura alla modifica del target, un processo in corso da mesi, ancora prima dello scoppio dell’emergenza sanitaria. 

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.