E-commerce: boom di acquisti con il Covid

e-commerce

Il Coronavirus ha condotto alla deriva diversi settori, e questo già lo sapevamo. Fa certamente più clamore il fatto che dall’emergenza sanitaria abbiano tratto beneficio l’e-commerce e alcune compagnie, come Tesco. Il colosso dei supermercati nel Regno Unito ha annunciato 16 mila nuove assunzioni; una notizia sorprendente per avvenire in piena crisi economica. Di questi, 10 mila avranno il compito di prendere i prodotti dagli scaffali per imbustarli, mentre altri 3mila li porteranno a casa dei clienti. 

E-commerce, come cambia l’economia mondiale: il caso Tesco non è isolato

Dal momento in cui è stata sancita la quarantena forzata, Tesco ha visto impennarsi da meno di 600 mila a 1,5 milioni i clienti online. Casi analoghi provengono dagli Stati Uniti, dove Home Depot ha aumentato del 23% le vendite su internet e WalMart addirittura raddoppiato. Dunque, non solamente i supermercati sono usciti rafforzati dal difficile periodo. Si sta manifestando un palese cambiamento strutturale dei consumi, dal quale le compagnie appena menzionate emergono vincenti. 

Il boom dell’e-commerce riporta dirompenti conseguenze sull’immobiliare. Le superfici stanno già accusando il colpo e nel tempo i loro prezzi tenderanno probabilmente a diminuire in maniera piuttosto stabile. È plausibile che l’intero comparto residenziale nelle metropoli soffra, soprattutto se nelle vicinanze dei centri di lavoro e delle vie commerciali. Viceversa, sarebbero avvantaggiate le superfici legate alla logistica. 

Che sia solo l’inizio?

Tanto più l’e-commerce crescerà e tanto più serviranno spazi più grandi presso i centri di distribuzione, in cui immagazzinare i prodotti da far direttamente recapitare nelle abitazioni dei clienti.

Qui i prezzi dovrebbero salire e con essi anche quelli dei complessi abitativi siti nelle adiacenze degli hub logistici; in conseguenza all’incremento dei maggiori posti di lavoro disponibili. Pertanto, a seconda della tipologia, l’andamento delle superfici seguirà un trend differente. Occorreranno meno grandi uffici e meno negozi fisici.

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.