Fino a 8.000 euro per questa moneta delle vecchie Lire! Meglio controllare se ne avete conservata qualcuna!

Valore 50 Centesimi Lire Carlo Alberto

La moneta di oggi risale al regno di Carlo Alberto, il nipote di Carlo Felice. Il sovrano rimase al potere per il periodo che va dal 1831 al 1849. Durante questi anni, precisamente nel 1833, 1835, 1842, 1843, 1845 e 1847 venne coniata la moneta da 50 Centesimi Lire Carlo Alberto.

Ognuno di voi potrebbe ancora avere dei vecchi esemplari custoditi nei cassetti, tenuti per ricordo o lasciati come eredità dai vostri genitori o dai vostri nonni. Oggi andremo a vedere com’è fatta la moneta e soprattutto qual è il suo valore nel mondo del collezionismo. La moneta da 50 Centesimi Lire Carlo Alberto è realizzata in Argento 900/1000, ha un diametro di 18 millimetri, un peso di 2,5 grammi e presenta un contorno liscio.

Nella facciata del dritto, l’esemplare presenta il profilo del Re Carlo Alberto che guarda verso destra. Su taglio del collo è presente la lettera “F” che indica l’autore Ferraris. Subito sotto il collo invece c’è l’anno di conio. Infine, nel contorno troviamo a scritta in stampatello maiuscolo “CAR·ALBERTVS D·G·REX SARD·CYP·ET HIER·”.

Valore 50 Centesimi Lire Carlo Alberto

Sul lato opposto, quello del rovescio, è presente la raffigurazione di uno stemma con croce sabauda sovrastato da una corona reale e adornato dal collare dell’Annunziata. Il tutto è abbracciato da rami di lauro. In basso, da sinistra verso destra, troviamo il segno di Zecca e il valore nominale della moneta, ossia C.50. Infine, vicino al bordo c’è la scritta in stampatello maiuscolo “DVX SAB·GENVAE ET MONTISF·PRINC·PED·&·”. Le monete datate 1833 presentano diversi segni di Zecca. Una P inclusa in un ovale e un’ancora per la Zecca di Genova e una P nell’ovale e una testa d’aquila per la Zecca di Torino.

Il valore della moneta da 50 Centesimi Lire Carlo Alberto

La moneta da 50 Centesimi Lire Carlo Alberto oggi è classificata come R o R3 a seconda dello stato di conservazione e dell’anno di conio. Il suo valore può arrivare fino a 8.000 euro. Di seguito, una tabella con tutti i valori a seconda delle caratteristiche della moneta:

  • Anno 1833 Zecca di genova: MB 350 euro, BB 550 euro, Spl 1.800 euro, FDC 5.000 euro.
  • Anno 1833 Zecca di Torino: MB 100 euro, BB 200 euro, Spl 800 euro, FDC 2.600 euro.
  • Anno 1835 Zecca di Torino: MB 350 euro, BB 600 euro, Spl 2.800 euro, FDC 8.000 euro.
  • Anno 1842 Zecca di Torino: MB 350 euro, BB 600 euro, Spl 2.800 euro, FDC 8.000 euro.
  • Anno 1843 Zecca di Torino: MB 150 euro, BB 400 euro, Spl 1.400 euro, FDC 3.000 euro.
  • Anno 1845 Zecca di Torino: MB 200 euro, BB 500 euro, Spl 1.600 euro, FDC 4.500 euro.
  • Anno 1847 Zecca di Torino: MB 350 euro, BB 600 euro, Spl 2.800 euro, FDC 7.000 euro.

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Total
0
Shares