Incentivi auto, risorse finite: un sistema che fa acqua

incentivi auto

Il fiume (di denaro) si è quasi prosciugato. Sono quasi finiti gli incentivi auto a basso impatto ambientale. L’ecobonus del Governo rischia di esaurirsi prima dei tempi stimati, a meno che non ci sarà un intervento d’emergenza. Il nuovo “pacchetto” di agevolazioni nel comparto dell’automotive era già andato incontro all’appello degli operatori del settore, aumentando nel mese di luglio i primi 50 milioni di euro stanziati con una logica a scalare, volta a premiare i veicoli con minori emissioni. 

Incentivi auto: i limiti nel sistema

Eppure, emergono i limiti insiti nel sistema, così come stabilito dal Decreto Agosto. Dopo poche settimane è prossimo a “estinguersi” il fondo di 100 milioni, destinato alle macchine classificate nella fascia di emissioni di anidride carbonica 91-110 g/km. 

Michele Crisci, Presidente di Unrae, ha sottolineato come il meccanismo messo in campo dal Governo contenga evidenti limiti di rigidità; nonché alcuni profili non coerenti con lo spirito di sostegno, ovvero il rinnovo del parco circolante e la ripresa del mercato. La criticità maggiore consiste nell’impossibile di costituire un fondo unico o trasferire le risorse da una fascia emissiva all’altra.

Unrae pronta a dare una mano

A detta del numero uno di Unrae ciò si traduce nel rischio di lasciare inutilizzata parte delle risorse economiche, pur a fronte di una quota di domanda che così resta insoddisfatta. Infine, Crisci ha lanciato un allarme: è quanto mai urgente rifinanziare il fondo esaurito per non arrestare la crescita di un settore già notevolmente colpito dall’emergenza Coronavirus negli scorsi mesi. 

L’associazione invoca con forza una soluzione tempestiva e rimane disponibile ad apportare il proprio contributo in fatto di idee e proposte. Agli interessi generali di tutela dell’ambiente occorre coniugare l’esigenza di non penalizzare il mercato. Senza dimenticare il peso del comparto, che in Italia dà lavoro a 160 mila addetti, esclusivamente nell’area commerciale, e complessivamente fattura oltre 50 miliardi di euro. 

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.