Legge 104: chi ha diritto al permesso e al congedo

Legge 104

Il testo legislativo italiano riconosce vari benefici al lavoratore dipendente che assiste un familiare affetto da disabilità, tra i quali i più rilevanti sono i cosiddetti permessi legge 104 e il congedo straordinario. 

Legge 104: la differenza tra permesso e congedo

La differenza è chiara. I permessi costituiscono delle assenze concesse al dipendente ogni mese, affinché abbia la possibilità di assistere un familiare con handicap riconosciuto in situazione di gravità. Il congedo è un’aspettativa straordinaria retribuita, pari a 2 anni per ciascun disabile nell’arco della vita lavorativa. Spetta a colui che assiste un famigliare convivente (convivenza non richiesta qualora si segua un figlio) a cui è riconosciuto un handicap in situazione di gravità. 

Il grado di parentela o affinità richiesto per avvalersi della legge 104 cambia a seconda del beneficiario. In definitiva, chi ha diritto di accedere ai permessi non coincide integralmente con quello in facoltà di godere del congedo. Oltretutto la misura è concessa esclusivamente ai parenti più stretti. E, riguardo al congedo straordinario, il requisito della convivenza è generalmente richiesto.

Chi ne ha diritto

Hanno nello specifico diritto ai permessi retribuiti:

  • i genitori;
  • il coniuge, o il partner dell’unione civile, o il convivente di fatto, come risultante dalla dichiarazione anagrafica;
  • i parenti e affini entro il 2° grado;
  • i parenti e affini entro il 3° grado, se il coniuge (o la parte dell’unione civile) o genitori o, ancora, il convivente del disabile ha compiuto i 65 anni oppure sono deceduti, mancanti o a loro volta affetti da patologie invalidanti a carattere permanente

Il congedo straordinario spetta nell’ordine:

  • al coniuge (o unito civilmente);
  • alla madre o al padre, anche adottivi;
  • ad uno dei figli conviventi, anche adottivi
  • ad uno dei fratelli o sorelle;
  • al parente o all’affine entro il 3° grado.
Hai le notifiche bloccate!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.