Obbligazioni 50 anni: crisi petrolio opportunità

Obbligazioni

Abu Dhabi sarebbe sul punto di fare il suo ritorno sui mercati internazionali collocando nuove obbligazioni in dollari suddivise in tre tranche a 3 anni, 10 anni e mezzo e 50 anni. L’ultima emissione risale allo scorso mese di aprile, quando il Paese emirato raccolse 7 miliardi e registrò una grande domanda per le sue tranche a 5, 10 e 30 anni. A maggio vi fu la riapertura con altri 3 miliardi ottenuti.

Obbligazioni emesse dagli Emirati Arabi Uniti

Adesso, secondo quanto riportano indiscrezioni ancora in attesa di conferma, si accingerebbe a collocare un titolo a 50 anni con cedola fissa del 3%. Il triennale garantirebbe 95 punti base in più del Treasury e la scadenza marzo 2031 sui +135 bp, cioè qualcosa rispettivamente come oltre l’1,10% e il 2%. 

Riprendendo in esame le ultime emissioni, notiamo che il quinquiennale in scadenza il 16 aprile 2025 e cedola 2,50% si acquista oggi a 106, ragion per cui offre un rendimento dell’1,14%. Dal suo sbarco sul mercato secondario, ha messo a segno un apprezzamento del 4,6%.

Invece, il decennale 16 aprile 2030 e cedola 3,125% si acquista a più di 112,50 e rende l’1,62%; ovvero molto meno della cedola, anche in tale circostanza, dato il rialzo del 9,5% del via alle negoziazioni. Infine, il trentennale 16 aprile 2050 e cedola 3,875% si acquista sopra 124 e offre un rendimento del 2,40%. Dal suo ingresso sul mercato secondario guadagna quasi il 23%. 

Finanze solide e un fondo sovrano inesauribile

Le finanze degli Emirati Arabi Uniti sono alquanto solide. Difatti, i rating assegnati dalle principali agenzie al debito sono eccezionali. Raramente viene chiuso un bilancio in deficit.

E, qualora fosse, l’emirato detiene un fondo da 700 miliardi da dollari, alimentato con i proventi del petrolio esportato, e saprebbe dunque da dove attingere il denaro.

Hai le notifiche bloccate!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.