Quanto vale il tuo orologio? Come scoprirlo

A meno che tu non sia già un collezionista o comunque un appassionato di orologi, difficilmente saprai valutare il tuo usato. Magari fra le mani ti ritrovi una piccola fortuna e manco ne sei al corrente. Una presunzione tanto comune quanto errata è che sia necessario vedere un marchio di lusso come Omega o Rolex.

In realtà il mercato di seconda mano concede pure spazi a realtà meno celebri. Realtà quali Enicar, Universal Geneve e addirittura gli orologi Movado sono in grado di raggiungere elevate quotazioni. Ma andiamo a vedere come è possibile stabilire nel dettaglio il valore del tuo orologio. 

Come attribuire un prezzo all’orologio

Per quantificare con precisione il valore è, anzitutto, fondamentale accertare il produttore. Oltre a ciò, è indispensabile conoscere il maggior numero possibile di informazioni su anno, grado, modello, dimensioni, qualità, collezioni e peculiarità potenzialmente capaci di fare la differenza. Vai alla ricerca di qualunque combinazione di parole riguardanti l’orologio e fai attenzione a eventuali dettagli pertinenti perché possono agevolarti il compito. Dopo aver ristretto il campo, inizia il bello. 

Analogamente a qualsiasi oggetto d’antiquariato, le condizioni sono un fattore decisivo. Naturalmente, un orologio malfunzionante o rotto ha un corrispettivo economico inferiore poiché il compratore decurterà il costo approssimativo delle riparazioni. Un orologio non costituisce realmente un affare vantaggioso se ha problemi meccanici nascosti che lo rendono sostanzialmente inutile o troppo costoso da aggiustare. 

L’estetica può decisamente influire sulla stima. Talvolta, il solo disporre di un quadrante oppure di caratteristiche uniche o quantomeno interessanti (specialmente in uno stato di conservazione eccellente) è in grado di incrementare il valore del bene. Una cassa in oro massiccio è, ad esempio, un valore aggiunto.  

I parametri chiave

A questo punto ci sono ulteriori elementi da sottoporre ad analisi. Sei nella facoltà di farti un’idea del corrispettivo economico del tuo articolo consultando i prezzi del medesimo modello. Almeno a livello ideale, il numero di vendite totalizzate può contribuire a orientarti. Scarta gli estremi troppo bassi e troppo alti e calcola la media delle cifre rimanenti.

Spesso i risultati delle aste vengono utilizzati per tale fine. Se ricorri a un motore di ricerca riuscirai in pochi istanti a trovare dei cataloghi specializzati. Un fattore rilevante sono poi le tendenze di mercato. Gli orologi e i marchi potrebbero andare di moda un anno e fuori moda un altro. Ciononostante ci sono certi aspetti che influiscono a prescindere.  

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.