Rc auto online: Ivass denuncia sei siti fasulli

Rc auto

È risaputo che le polizze Rc auto online costano meno, paragonate ai contratti stipulati in agenzia. Tuttavia, tra le molte compagnie serie in rete è facile imbattersi in raggiri o truffe. Attirato da prezzi ultra-economici, il cliente effettua la registrazione sul portale, invia il denaro per sottoscrivere la copertura del mezzo, senza però ricevere quanto promesso. Tradotto: nessuna assicurazione. E così, se le Forze dell’Ordine ti fermano, rischi grosse sanzioni.

Talvolta il servizio è effettivamente offerto, ma per un lasso di tempo più breve rispetto a quello indicato al cliente. Le classi di merito possono poi non venire adeguatamente applicate e, in caso di sinistro, la parte coinvolta è chiamata a rispondere parzialmente in prima persona.

Rc auto online: meglio non rischiare

Dati i succitati presupposti è più opportuno concedere fiducia alle aziende Rc auto online riconosciute e maggiormente note. 

Proprio negli scorsi giorni l’Ivass, organo di vigilanza del settore, ha segnalato altri sei siti irregolari. Nel dettaglio, si tratta di:

  • agv-brokers.com4;
  • biomedia-assicurazioni.com;
  • assione.net;
  • mansuttibroker.net;
  • assirubino.com;
  • vivaldibrokers.com.

La distribuzione di polizze mediante i seguenti siti è da considerarsi irregolare. I documenti ricevuti sono falsi e i relativi veicoli sono scoperti. Sempre l’Ivass suggerisce ai consumatori di accertarsi, prima del versamento del premio, che i contratti e i preventivi siano riferibili a imprese e intermediari regolarmente autorizzati.

IVASS: i registri consultabili

Sul sito istituzionale sono indicate:

  • le compagnie italiane ed estere ammesse ad esercitare in Italia (elenchi generali e specifici);
  • l’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea;
  • il Registro unico degli intermediari assicurativi (RUI);
  • l’elenco degli avvisi inerenti ai casi di contraffazione, società non autorizzate e portali web non conformi alla disciplina sull’intermediazione. 

Infine, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni ricorda l’irregolarità del pagamento dei premi eseguito a favore di carte di credito prepagate o ricaricabili. Violano le disposizioni legislative quelli verso persone o società non iscritte nei menzionati albi.  

Hai le notifiche bloccate!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.