Università, inutile al lavoro? La proposta-provocazione

Università

Una semplice provocazione o i tempi nel mondo del lavoro stanno effettivamente cambiando? In questi ultimi anni si è certamente assistito a radicali novità nei più svariati ambiti professionali. Per fare carriera il percorso in Università sembra aver acquisito importanza, se non marginale, quantomeno secondaria. L’ultimo (eccellente) esempio che è possibile portare a sostegno di tale tesi lo fornisce Spotify. 

La celebre piattaforma on demand di musica in streaming è attualmente alla ricerca del nuovo capo degli studios per l’Europa orientale e meridionale. Fin qui tutto regolare, una normale offerta di lavoro come tante se ne leggono in giro.

Università: il titolo di studio non conta più?

Ma in realtà una stranezza c’è, basta prestare attenzione: spulciando i 10 requisiti inseriti, manca completamente quello legato agli studi. Ebbene, la laurea non è richiesta, come lo è invece mantenere sempre un atteggiamento positivo e aver capacità di adattamento. Qualità professionali e umane per cui il titolo di studio non serve e non servirà mai. 

Che si tratti di una svista? Improbabile, anzi impossibile. E Spotify non è nemmeno una rara eccezione. Infatti, il colosso dello streaming musicale si trova già in ottima compagnia, se pensiamo che anche tre autentiche superpotenze informatiche quali Apple, Google e IBM non badano ai risultati conseguiti in ambito accademico. E non finisce qua. Oltre alle tre aziende tecnologiche, si aggiungono Starbucks e addirittura la Bank of America.

Il caso Elon Musk

C’è poi il caso Elon Musk, uno dei principali protagonisti del business internazionale dell’oggi e del domani. Stando alle dichiarazioni rilasciate dal numero uno di Tesla ed altre avveniristiche realtà (inclusa la compagnia spaziale SpaceX) per finire alle sue dipendenze non è affatto imprescindibile andare all’Università. Addirittura il visionario imprenditore l’ha definita come un luogo dove divertirsi e non dove imparare. 

Hai le notifiche bloccate!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.