Vecchie Lire, alcune possono valere fino a 6.000 euro. Meglio controllare i vecchi cassetti!

vecchie-lire

Qualcuno lo sa e qualcuno lo ha magari scoperto negli ultimi articoli in cui ne abbiamo parlato. Le vecchie lire possono valere un bel gruzzoletto, tanto da superare addirittura i 6 mila euro in alcuni casi. Le monete rare italiane emanano grande fascino, sono un lascito del passato e spesso finiamo col chiederci quanto siano quotate.

Vecchie lire: gli affari si fanno online

Certi collezionisti non se ne priverebbero mai e sono perennemente alla ricerca di pezzi nuovi. I non collezionisti, invece, sono interessati a venderle e desidererebbero risalire al loro valore reale. Per effettuare una stima corretta occorre ponderare la data di emissione, la tiratura e lo stato di conservazione.

I portali solitamente utilizzati nella compravendita sono eBay, Aste Bolaffi e Nomisma, le aste di Catawiki, parecchio frequentate da numismatici. Oppure, in alternativa, ci si reca direttamente nei negozi degli esperti o in quelli di antiquariato. Insomma, di luoghi da visitare ce ne sono. Basta avere un po’ di buona volontà e sarà possibile concludere dei proficui affari.

I pezzi più pregiati

Le più quotate sono le 10 lire del 1946, per cui i collezionisti possono anche arrivare a spendere oltre 6 mila euro. Sempre del 1946 ci poi le 5 lire. Realizzate in italma, una lega metallica usata dalla Zecca dello Stato, fatta di magnesio, manganese e alluminio, arrivano fino al un valore di 1.200 euro.

Per quanto riguarda il 1947 segnaliamo le unità da 1 lira, che raggiungono pure i 1.500 euro, e le 10 lire da 4 mila euro. Le 2 lire del 1949 toccano i 1.800 euro. Più in là con gli anni, le 100 lire del 1955, sebbene parecchio diffuse, se conversate in ottime condizioni arrivano pure a 1.200 euro; mentre le 5 lire del 1956 si spingono fino ai 2 mila euro, come le 50 del 1958. 

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.