Casa in affitto: il Fisco usa il pugno duro coi proprietari

Casa in affitto

In questi ultimi mesi, funestati dall’emergenza Coronavirus, tanti proprietari di una casa in affitto hanno riscontrato difficoltà a riscuotere regolarmente il canone di locazione. Ciononostante l’Amministrazione finanziaria non si dimostra granché comprensiva nei confronti di chi ha chiaramente già subito una perdita. Difatti, il Fisco potrebbe bussare alla porta. 

Casa in affitto: il Fisco tiene accesi i riflettori

Di fatto, con la registrazione dei contratti viene reso noto l’importo concordato per la locazione e perciò è possibile verificare pure il corretto pagamento delle relative imposte e tasse sulla casa in affitto. Ciò muta pure in relazione alla tipologia di accordo pattuito. Tra i più comuni c’è la cedolare secca, ideale principalmente in caso di affitti brevi e stagionali. Ricorrendovi (una scelta da specificare nella apposita voce dei redditi fondiari della dichiarazione dei redditi), la proprietà verserà un’imposta sostitutiva con un’aliquota pari al 21%.  

Per gli studenti universitari fuori sede è prevista una variante agevolata. In tali condizioni, l’aliquota passa al 10%. Dai dati bancari o dalla denuncia degli inquilini, potrebbero emergere contratti di affitto in nero. Pertanto, non registrare il documento non rappresenta certamente la soluzione per impedire all’Agenzia delle Entrate di controllare le tasse pagate e rilevare eventuali errori. 

Le priorità di riforma

Lo scoppio della pandemia da Covid-19 ha ulteriormente complicato la situazione dei proprietari di una casa in affitto. Quattro sembrerebbero attualmente le priorità di riforma: 

  • proroga della cedolare secca pure ad immobili non abitativi;
  • cancellazione della tassa sui canoni non percepiti (tuttora valida nel campo degli affitti commerciali);
  • intervento sul blocco generalizzato degli sfratti;
  • riduzione dell’IMU. 

Nel frattempo il Presidente di Confedilizia, Spaziani Testa, ha suggerito come difendersi in caso di accertamenti. Alla pari di molti altri adempimenti fiscali, è preferibili farsi regolarmente seguire da professionisti, specialmente se proprietari di più immobili concessi in locazione. L’importante – ha concluso a ilgiornale.it – è non incappare nella vivace attività interpretativa delle norme. 

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.