Contributo a fondo perduto: comprende fuori campo IVA?

Contributo a fondo perduto

Gli importi fuori campo IVA vanno considerati nella determinazione del fatturato ai fini del calcolo del contributo a fondo perduto, di cui all’art. 25 del decreto Rilancio. Con la risposta n. 350/E del 15 settembre 2020, finalmente l’Agenzia delle Entrate dipana i dubbi. 

Contributo a fondo perduto: come si stabilisce la percentuale

Ricordiamo che, qualora siano rispettati i vari requisiti e sia presentata la relativa domanda nei termini pattuiti, il contributo a fondo perduto in oggetto spetta in base ad una precisa percentuale, applicata sulla differenza tra i corrispettivi e il fatturato di aprile 2020 e di aprile 2019. Tale percentuale differisce in relazione alla soglia dei compensi o ricavi conseguiti nel 2019, ovvero:

  • 20% se pari o inferiori a 400 mila euro;
  • 15% se superiori a 400 mila euro e pari o inferiori a un milione di euro;
  • 10% se superiori a un milione di euro e pari o inferiori a 5 milioni di euro. 

Per quanto riguarda il calcolo dei corrispettivi e del fatturato, ulteriori informazioni utili sono riportate nella Guida dell’Amministrazione Finanziaria.

Fa fede la data di effettuazione delle operazioni di prestazione dei servizi e di cessione dei beni. Pertanto, bisogna considerare le fatture emanate nel mese di aprile e, se differente, la data del DDT (cessione di beni) o del documento equivalente (prestazioni di servizi). Inoltre, vanno analizzate tutte le fatture attive, immediate e differite, al netto dell’Iva, concernenti operazioni condotte nei suddetti mesi. 

Chiarimento sulle somme da contemplare

Nella citata risposta n. 350/E, l’Agenza delle Entrate, facendo leva su quanto già chiarito attraverso la Circolare n. 22/E, ha dichiarato che ai fini della riduzione del fatturato è necessario contemplare tutte le somme che lo costituiscono, purché le stesse rappresentino ricavi dell’impresa o compensi derivanti dall’esercizio di arti o professioni. Pertanto nel calcolo dei corrispettivi e del fatturato rientrano pure gli importi fuori campo iva. 

Hai le notifiche bloccate!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.