Entrate tributarie: netto calo nel 2020 causa Covid

Entrate tributarie

Stando al report pubblicato dal ministero dell’economia e delle finanze, le entrate tributarie nel periodo gennaio-giugno 2020 ammontano a 186.304 milioni di euro, una riduzione di 13.983 milioni rispetto al primo semestre del 2019.

Entrate tributarie: diminuiscono nel semestre gennaio-giugno 2020

Il segno negativo va considerato come una diretta conseguenza dell’emergenza sanitaria da Covid-19 e delle politiche di contenimento adottate dall’Italia anche per fronteggiare il fabbisogno di liquidità dei nuclei familiari. In particolare, il Decreto legge 23/2020 ha sancito il rinvio dei versamenti contributivi e tributari per i soggetti esercenti professione, arte o attività di imprese, fiscalmente domiciliati nel nostro Paese. 

Un piccolo spiraglio di luce arriva dal mese di giugno, per cui si è calcolata una variazione positiva del 3,7%, pari a 1.317 milioni di euro. L’aumento deriva dall’andamento delle imposte dirette (+25,7%, 4.9974 milioni di euro), mentre quelle indirette continuano a segnalare un sensibile decremento (-23%, 3.657 milioni di euro), principalmente imputabile all’impatto sugli scambi interni dell’Iva (-1.693). 

L’incremento delle entrate dalle imposte dirette è associato al prodotto delle imposte autoliquidate e dal diverso termine di versamento. Difatti, la scadenza del 30 giugno, che cadeva di domenica, è slittata al 1° luglio lo scorso anno. Nel periodo oggetto di studio, le imposte dirette sono cresciute di 5.439 milioni di euro; ammontanti a 108.442 milioni di euro, per un più 5,3 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Flessione delle indirette legata all’Iva

In particolare, sono sensibilmente aumentate le entrate a titolo di imposta sostitutiva dei fondi pensione (+1.130 milio di euro) e sui redditi da capitale e sulle plusvalenze (+849 milioni di euro). La flessione delle imposte indirette è soprattutto correlabile a quella sul valore aggiunto, la quale ha chiuso con una diminuzione del 19,2%, pari a 11.837 milioni di euro, in conseguenza al rinvio dei versamenti in applicazione delle disposizione contenute nel Decreto Legge 18/2020. 

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.