Nuove scadenze carta di identità, patente e foglio rosa, ecco cosa cambia per il Covid

scadenza patente e carta di identità

La pandemia per il Covid ha stravolto la vita di tutti e lo farà ancora per molti mesi. Nuove abitudini, nuovo modo di vivere, misure restrittive, lavoro agile, didattica a distanza e così via. Un terremoto vero e proprio che si è abbattuto anche su fisco, tasse e scadenze. E tra le scadenze che per via dell’emergenza sono slittate, ci sono anche quelle di alcuni documenti della quotidianità di tutti, come per esempio la carta di identità e la patente, oppure il foglio rosa per chi sta provando a patentarsi.

Carta di identità e patente, cosa cambia con il Covid?

patente di guida

Le scadenze di numerosi documenti che gli italiani sono chiamati a rinnovare,  sono state posticipate a causa dell’emergenza Covid. Tutte le scadenze delle carte di identità o delle patenti di guida previste tra il 31 gennaio 2020 ed il 31 dicembre 2020, vengono posticipate tutte al 30 aprile 2021.

Tutto stabilito già dal decreto che ha prorogato lo stato di emergenza in Italia, con le scadenze di questi documenti procrastinate al 31 dicembre 2020. Adesso però si va a primavera, perché tra l’altro, da qualche giorno va registrato un emendamento con firmatario il parlamentare Iunio Valerio Romano, senatore del Movimento 5 Stelle.

“La norma intende agevolare quei cittadini in possesso di documenti la cui validità è in scadenza o che sono scaduti nel corso di questa nuova ondata emergenziale. È una misura di buonsenso, che va incontro alle esigenze di quanti non si trovano, ad esempio, nelle condizioni di procedere al rinnovo di documenti indispensabili. Grazie a questa proroga, il nuovo termine viene rinviato da dicembre 2020 al 30 aprile 2021”, questo ciò che ha detto il proponente dell’emendamento.

Questione burocrazia e questione salute

carta di identità

Il rinvio di queste scadenze, che fin dall’inizio della pandemia sono state usate per un giro di vite alla burocrazia più rigida del nostro Paese, nasconde l’intenzione  dei legislatori di evitare assembramenti, affollamenti e situazioni potenzialmente pericolose per la salute pubblica.

Evitare assembramenti presso le scuole guida o presso le sedi della Motorizzazione Civile per il rinnovo dei documenti di guida è alla base dell’orientamento che il governo ha voluto dare a questi provvedimenti.

Il rinvio di queste scadenze era stato fissato prima al 31 agosto con il dal Cura Italia ma lo svilupparsi della pandemia e dell’emergenza hanno prima portato le scadenze al 31 dicembre 2020 e poi adesso al 30 aprile dell’anno prossimo.

La patente è valida ma solo in Italia

In sostanza, chi ha una patente scaduta o che scadrà entro la fine dell’anno, potrà rinnovarla entro il 30 aprile prossimo. E il documento sarà a tutti gli effetti valido, anche per i controlli delle Forze dell’ordine. Ma la validità del documento è solo per il territorio nazionale. Infatti la scadenza riportata sul documento resta quella prescritta, ed all’estero il documento verrà ritenuto non valido.

La stessa scadenza prorogata vale anche per  la carta di identità. Tutte quelle che scadono tra 30 gennaio 2020 e 31 dicembre 2020 saranno valide fino al prossimo 30 aprile, ma solo sul territorio nazionale, perché per l’espatrio farà fede sempre la data di scadenza impressa sul documento.

E tornando anche al foglio rosa, cioè al documento che consente a chi non ha patente ma che la sta prendendo, di iniziare a guidare accompagnato da un conducente esperto, segue le stesse regole di patente di guida e carta di identità.

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI