Taglio cuneo fiscale: di quanto, a chi spetta

Taglio cuneo fiscale

Nonostante tutte le notizie negative degli ultimi mesi, qualcosa di buono gli italiani lo hanno avuto: il taglio del cuneo fiscale. Proprio con le buste paga del mese di agosto, i lavoratori, provati dalla crisi economica, hanno potuto tirare una boccata di ossigeno. 

Taglio cuneo fiscale: a quanto ammonta

La misura spetta in misura di 100 euro al mese per i redditi compresi tra 8mila euro e 28mila euro annui. Importo destinato gradualmente a scendere dagli 80 euro per i redditi compresi tra 28mila e 40mila euro. Si tratta di un beneficio che porta ad un taglio dell’Irpef riconosciuto a partire dal mese di luglio ad un gruppo piuttosto amplio di lavoratori, rispetto a coloro che percepivano il bonus 80 euro in busta paga secondo il piano Renzi. 

I beneficiari del taglio del cuneo fiscale sono tutti coloro che percepiscono redditi da lavoro dipendente o assimilato, eccetto le pensioni di ogni tipo e gli assegni ad esse equiparati. Dunque, sono esclusi dall’agevolazione i:

  • pensionati;
  • lavoratori dipendenti o assimilati con redditi inferiori a 8.174 euro l’anno. I cosiddetti incapienti non sono chiamati a versare i contributi sui redditi da lavoro e di conseguenza non hanno nemmeno diritto al taglio dell’Irpef poiché non lo pagano;
  • collaboratori con ritenuta di acconto;
  • lavoratori professionisti con Partita Iva;
  • lavoratori autonomi. 

Coinvolgerà anche i pensionati?

La legge ha subito delle correzioni rispetto ai piani inizialmente annunciati dal premier Giuseppe Conte lo scorso gennaio. In prospettiva, il consiglio dei ministri contava di coinvolgere nella riduzione dell’Irpef pure i pensionati. Confidava di proseguire i dialoghi con il sindacato. Mentre rilasciava tali dichiarazioni, era in agenda un imminente incontro su pensioni, mezzogiorno e investimenti.

L’auspicato coinvolgimento non ha, tuttavia, ancora trovato applicazione. Ciononostante in un futuro, più o meno lontano, il taglio del cuneo fiscale potrebbe venire esteso anche ai pensionati. 

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.