Villette a schiera: quando hanno diritto all’ecobonus

Villette a schiera

Quello degli ecobonus 110 per cento è uno degli argomenti (se non l’argomento) più caldi in questo periodo. Ogni giorno vanno effettuati chiarimenti sui soggetti che hanno il diritto di trarne beneficio. A spazzare via i dubbi sulle villette a schiera ci ha pensato l’Agenzia delle Entrate, nella risposta all’interpello n. 328/2020.

Villette a schiera: i requisiti richiesti per godere dell’incentivo

Al centro del “dibattito” ci sono le villette a schiera e quali caratteristiche debbano presentare affinché godano dell’incentivo stanziato dal Governo. In buona sostanza, sono due i requisiti richiesti:

  • accesso autonomo dall’esterno;
  • indipendenza funzionale. 

L’Amministrazione finanziaria lo esplicita, in risposta al quesito posto da contribuente. Nel mentre, ha colto la palla al balzo per soffermarsi su alcuni termini chiave, in modo da orientarsi nelle regole inerenti alla maxi-detrazione.

Il mittente del messaggio è un proprietario di una villetta a schiera libera su tre lati, con riscaldamento autonomo e confinante con altro immobile attraverso esclusivamente parete garage non riscaldato. Poiché ha intenzione di realizzare un cappotto termico, che condurrà a un miglioramento di due classi energetiche, contatta l’Agenzia. 

Se l’ente da un lato concede il nulla osta all’ecobonus 110 per cento in presenza di certe condizioni, dall’altro puntualizza come, per confermare con certezza il godimento dell’agevolazione, occorra una valutazione in concreto dei due elementi chiave, che esula dalle competenze esercitabili in sede di interpello. Una unità immobiliare funzionalmente indipendente è tale se è dotata di manufatti o installazioni di ogni genere, quali impianti per:

  • il riscaldamento;
  • il gas;
  • l’acqua;
  • l’energia elettrica. 

“Accesso autonomo dall’esterno”: cosa vuol dire

L’accesso autonomo dall’esterno presuppone invece, ad esempio, la possibilità di compiere l’ingresso indipendente. In modo cioè non comune ad altre unità immobiliari, chiuso da portone o cancello che dia l’accesso in strada, cortile o giardino di proprietà esclusiva.

Nel caso in cui siano rispettati i due requisiti l’ecobonus è godibile scegliendo tra le tre classiche formule previste: cessione credito, sconto in fattura, detrazione. 

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI