CCSNews
pensione-anticipata-63-anni

A 63 anni in pensione con questa opportunità molto allettante

Anche nel 2023 sarà utilizzabile l’Ape sociale per poter andare in pensione. La legge di Bilancio infatti ha confermato la misura che pertanto diventa assolutamente appetibile per una discreta platea di potenziali beneficiari. Ma in vista del nuovo anno, soprattutto per chi compirà 63 anni nel 2023, meglio fare un riepilogo di cosa significa Ape sociale.

Ape sociale, i principi generali e le regole

L’Ape sociale è una misura che non riguarda tutti i lavoratori ma solo una determinata e circoscritta platea. Inoltre, ha delle serie limitazioni. Infatti non può essere superiore a 1.500 euro, non ha maggiorazioni sociali, non ha integrazioni al trattamento minimo, non è reversibile al coniuge e non prevede tredicesima. Inoltre è una misura che non si indicizza al tasso di inflazione e non dura in eterno ma solo fino ai 67 anni di età. Per uscire servono 63 anni di età e 30, 32 o 36 anni di contributi.

Ape sociale, i chiarimenti

Nata nel 2017 l’Ape sociale è stata confermata anche per il 2023. Ma negli anni qualcosa sulla misura è cambiato radicalmente. In effetti, è stata potenziata la misura allargandola ad una platea più grande rispetto a quanto previsto inizialmente. Caregivers, invalidi e disoccupati possono andare in pensione con 63 anni di età e 30 anni di contributi versati. Per i lavori gravosi servono invece 32 o 36 anni. Ed è proprio questa la platea che negli anni è crescita esponenzialmente. Infatti inizialmente le attività previste erano solo 11, per poi diventare 15 e infine, un numero imprecisato, distinto dai codici Ateco ed elencati sul sito istituzionale dell’INPS.

Pensione con lavoro gravoso

Lavoro gravoso? ecco quali attività per l’Ape sociale e la pensione

Come dicevamo, l’elenco delle attività gravose per l’Ape sociale sono elencate sul sito dell’INPS. Edili e ceramisti, possono uscire con 32 anni di contributi. Gli altri con 36 anni. L’attività gravosa deve essere presente nella vita lavorativa degli interessati, in 6 degli ultimi 7 anni o in 6 degli ultimi 7 anni. Nel dettaglio le attività, come riportate letteralmente sul sito INPS:

  • professori di scuola primaria, pre-primaria e professioni assimilate;
  • tecnici della salute;
  • addetti alla gestione dei magazzini e professioni assimilate;
  • professioni qualificate nei servizi sanitari e sociali;
  • operatori della cura estetica;
  • professioni qualificate nei servizi personali e assimilati;
  • artigiani, operai specializzati e agricoltori;
  • conduttori di impianti e macchinari per l’estrazione e il primo trattamento dei minerali;
  • operatori di impianti per la trasformazione e lavorazione a caldo dei metalli;
  • conduttori di forni ed altri impianti per la lavorazione del vetro, della ceramica e di materiali assimilati;
  • conduttori di impianti per la trasformazione del legno e la fabbricazione della carta;
  • operatori di macchinari e di impianti per la raffinazione del gas e dei prodotti petroliferi, per la chimica di base e la chimica fine e per la fabbricazione di prodotti derivati dalla chimica;
  • conduttori di impianti per la produzione di energia termica e di vapore, per il recupero dei rifiuti e per il trattamento e la distribuzione delle acque;
  • conduttori di mulini e impastatrici;
  • conduttori di forni e di analoghi impianti per il trattamento termico dei minerali;
  • operai semi qualificati di macchinari fissi per la lavorazione in serie e operai addetti al montaggio;
  • operatori di macchinari fissi in agricoltura e nella industria alimentare;
  • conduttori di veicoli, di macchinari mobili e di sollevamento;
  • personale non qualificato addetto allo spostamento e alla consegna merci;
  • personale non qualificato nei servizi di pulizia di uffici, alberghi, navi,ristoranti, aree pubbliche e veicoli;
  • portantini e professioni assimilate;
  • professioni non qualificate nell’agricoltura, nella manutenzione del verde, nell’allevamento, nella silvicoltura e nella pesca;
  • professioni non qualificate nella manifattura, nell’estrazione di minerali e nelle costruzioni.