Bonus 515 euro: è compatibile con le altre casse?

Bonus 515 euro

Sul bonus 515 euro (per il Covid) vigono alcune perplessità. In particolare, una domanda affligge i commercianti: se sia o meno previsto fino alla pensione e se sia compatibile con le altre casse professionali. L’argomento torna spesso di attualità sui forum, dato il vasto interesse suscitato. Peccato che spesso chi risponde sia poco o male informato e dunque, anziché fugare i dubbi, contribuisca alla confusione provata. 

Bonus 515: chi ne ha diritto

Il primo aspetto da segnalare riguarda l’accessibilità: chi ne ha diritto? Siamo lieti di dirvi che tutti i commercianti ne possono trarre giovamento, purché, però, venga rispettata una serie precisa di requisiti. Il cosiddetto bonus 515 euro è una forma di indennizzo rivolta a chi contribuisce. Nello specifico, vi accedono i professionisti in cambio di una partecipazione. Affinché l’ente di competenza venga incontro c’è una condizione su cui non si transige: il versamento di un’aliquota contributiva aggiuntiva dello 0,09 per cento. Questa aliquota è il risultato della somma di due parti:

  • la quota prevalente, pari allo 0,07 per cento, è corrisposta al finanziamento del Fondo per la razionalizzazione della rete commerciale;
  • il restante 0,02 per cento è invece devoluto alla Gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali dei soggetti che esercitano attività commerciali

Le categorie tutelate

Ma non finisce qua. Difatti, hanno facoltà di beneficiarvi esclusivamente coloro che rientrano in determinate categorie, esplicitate dal legislatore italiano. Ovvero: 

  • gli agenti e i rappresentanti di commercio;
  • gli esercenti attività di somministrazione al pubblico di bevande e alimenti;
  • i titolari o coadiutori di attività commerciali al minuto in sede fissa, pure coniugate ad attività di somministrazione al pubblico di bevande e alimenti;
  • i titolari o coadiutori di attività commerciale su aree pubbliche. 

In considerazione del quadro generale, diventa di facile comprensione il motivo per cui le autorità politiche non abbiano contemplato il cumulo con nessuna diversa cassa a quella specifica dei commercianti. 

Hai le notifiche bloccate!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.