Cassa integrazione: è decurtato dal NASpI?

Cassa integrazione

Lo scoppio dell’emergenza sanitaria da Coronavirus ha sortito effetti pesanti sull’economia nazionale e su quella mondiale. Molte famiglie italiane stanno vivendo una fase storica estremamente delicata. Pertanto, diversi lavoratori stentano a comprendere quali sono i diritti in ambito di indennità di disoccupazione NASpI. Per vedersi riconosciuta la somma, è obbligatorio rispettare precisi requisiti lavorativi e contributivi. Un dubbio è particolarmente assillante, ossia se il periodo di cassa integrazione possa negativamente incidere sull’indennità.

Il chiarimento dell’Inps su cassa integrazione e NASpI

Per poter accedere alla NASpI è essenziale il versamento di 13 o più settimane di contributi nei 4 anni precedenti il licenziamento; e almeno 30 giorni di effettivo lavoro nei 12 mesi precedenti. Con cassa integrazione a zero ore si intende che il dipendente non si è mai recato al lavoro. Laddove questa sia prolungata, il dubbio è di compromettere la rispettiva posizione nei confronti dello Stato. Attraverso la circolare 142 emanata nel 2015, l’Inps ha diramato i dubbi. Secondo quanto riferisce l’ente pensionistico, i periodi vanno considerati come neutri. In entrambe le circostanze, ossia sia nella determinazione dei 4 anni dove ricercare il minimo requisito contributivo sia con riferimento nei 12 mesi in cui rilevare i 30 giorni di effettiva attività. 

Quindi i lavoratori in cassa integrazione non avranno il compito di prendere in esame il periodo nella spettanza della NASpI. Esso sarà considerato neutro allungando, di conseguenza, l’intervallo di osservazione di un tempo pari a quello di durata della casa integrazione. 

Due cose distinte

Tirando le somme, la NASpI e la cassa integrazione sono due cose distinte e in nessun modo il periodo coperto dalla casa integrazione sarà decurtato da quello spettante di NASpI. L’indennità di disoccupazione, perciò, spetterà al soggetto facente richiesta per l’intero tempo maturato; in relazione alle settimane di contributi conteggiati nei quattro anni (tolto il periodo di cassa integrazione) che hanno preceduto la conclusione del rapporto professionale mediante licenziamento. 

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.