Pensioni parlamentari: cifre da capogiro

Pensioni parlamentari

Stipendi, vitalizi e pensioni parlamentari: quando la vita è bella. Spesso le cifre di quanto percepiscono i nostri onorevoli sono celate nell’anonimato, anche perché giochi di interessi spingono certi media a sorvolarvi. Ma essendo soldi pubblici forse un po’ di trasparenza ci servirebbe. Se paghiamo le tasse sarà pure lecito conoscere dove fanno a finire, o no?

Pensioni parlamentari: facciamo i conti in tasca

Partiamo dalla classe politica attuale: secondo le stime pubblicate sul portale Investireoggi.it, fra retribuzioni, rimborsi e diarie, gli stipendi arrivano tranquillamente a 17mila euro. Numeri che fanno venire la pelle d’oca, specialmente in un periodo del genere, in cui molte famiglie faticano a sbarcare il lunario.

Non lasciano sereni nemmeno le pensioni parlamentari. Difatti, il personale del Senato e della Camera (complessivamente 7.200 assegni) oscillano attorno ai 58-59 mila euro lordi all’anno, cioè 4.800-4.900 euro al mese. La forbice è maggiore per quanto riguarda i vitalizi, poiché dipendono dal numero di legislature svolte. In media, nelle casse di ognuno finiscono 70mila euro per i vitalizi diretti e 37mila per quelli di reversibilità. In totale, sono circa 2.700 vitalizi pari a un importo complessivo sui 200 milioni l’anno. 

Se prendiamo in esame gli stipendi dei parlamentari, il Movimento 5 Stelle intenderebbe ridurli. Dopo il referendum sul taglio del numero dei componenti del Senato e della Camera, Luigi Di Maio ha affermato di voler mettere mano pure agli spropositati compensi elargiti. Ridotto il numero dei politici – ha dichiarato -, occorrerà pensare a una normalizzazione degli stipendi. La parola d’ordine è e deve essere normalità. Da anni gli italiani sono costretti a fare sacrifici e la politica, soprattutto in questo momento, ha il dovere di dare il buon esempio. 

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.