Catastrofe Juve in Champions: danno economico

catasfrofe juve

Catastrofe Juve in Champions: esce col Lione. Ha detto l’allenatore della Juve Sarri prima del match: se i dirigenti mi licenziano, sono dilettanti. Ma qui c’è il disastro Juve in Europa, con danno d’immagine incalcolabile. E Sarri è sul banco degli imputati. Non ha dato gioco, non ha dato spirito, è una Zebra senz’anima. Dalla qualificazione agli ottavi, sino alla vittoria finale, la UEFA mette in palio un premio totale di decine milioni per la vincitrice.

Ma parliamo ancora di soldi. Battere il Lione e partecipare alle Final Eight avrebbe permesso alla Juve di incrementare il suo bottino di ricavi dalla UEFA. Dopo la fase a gironi, ammontava già a 70,3 milioni. I quarti valevano un bonus da 10,5 milioni Sconfiggere il Manchester City ai quarti e accedere alle semifinali si sarebbe tramutato in un assegno da 12 milioni, altri 15 per la finale, e la vittoria ulteriori 4 milioni.

La Juventus ha chiuso in perdita per 50,26 milioni di euro il primo semestre dell’esercizio in corso, dal primo luglio al 31 dicembre 2019. Erano soldi pesanti quelli che Sarri non ha garantito.

Cristiano Ronaldo ha sempre vinto la Champions, ovunque, e non usciva agli ottavi da una decina d’anni. Sono 9 scudetti di fila e zero Champions: un mistero tutto italiano, che nessuno sa spiegare. La faccia disgustata di Ronaldo la dice lunga sulla notte da incubo bianconera, sulla catastrofe Juve. C’è stato un investimento enorme sul portoghese, per vincere la Champions. Non era necessario Cristiano per continuare ad accumulare scudetti. In Italia, la pochezza di Inter e soprattutto Milan è tale da permettere alla Juve di maramaldeggiare.

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI