Cessione crediti bonus affitto per ente pubblico

Cessione credito bonus affitti

Arrivano importanti chiarimenti per quanto riguarda la cessione crediti bonus affitto. Per la compensazione, riporta l’Agenzia delle Entrate, è sempre necessario impiegare il modello F24, anche quando a riceverli è un istituto pubblico. Con la risposta all’interpello n. 420 del 30 settembre 2020 l’Amministrazione finanziaria riprende parola pure sulle istruzioni che ciascun cessionario ha l’onere di seguire e sul giusto codice tributo da indicare nel corso della compilazione.

Cessione credito bonus affitto: le direttive sulla compensazione

A dare lo spunto per riprendere in analisi le regole è un caso pratico. Protagonista è un ente che ha incassato i crediti di imposta inerenti al bonus affitto per gli immobili non a destinazione abitativa dai conduttore dei locali di cui è proprietario. Nel messaggio inoltrato all’Amministrazione finanziaria, chiede direttive sul modo in cui usufruire della compensazione del credito di cui ha beneficio, successivamente alla cessione. Ciò premesse alcune condizioni particolari:

  • è un ente titolare di contabilità speciale di tesoreria unica e per i pagamenti ricorre al modello F24 Enti Pubblici;
  • mediante la risoluzione n. 39/E del 13 luglio 2020 sono stati stabiliti i codici tributi da inserire nel documento ma non quelli per l’F24 EP. 

In risposta, il Fisco chiarisce che, anche laddove a godere della misura sia un ente pubblico, le modalità di utilizzo in compensazione rimangono immutate. Occorre comunque la compilazione del modello F24 ordinario. I crediti di imposta del bonus affitto sono principalmente rivolti a soggetti privati, perciò non è previsto l’F24 EP, tipicamente adoperato per procedere con il pagamento dell’Irap, dei tributari comunali ed erariali, dei contributi previdenziali, delle ritenute alla fonte e dei premi INAIL da parte degli enti pubblici.

I codici tributo validi

L’AdE ricorda poi le direttive generali da applicare per godere in compensazione dei crediti attinenti al bonus affitto, ottenuti in seguito ad una cessione, e riporta i codici tributo validi:

  • 6930 per botteghe e negozi;
  • 6931 per i canoni di locazione immobili non abitativi e affitto di azienda. 
Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.