Lego, dalla Danimarca con furore

lego

In un mare di pessimismo cosmico in cui naviga il web causa Covid, servono good news. Ecco Lego, per esempio: cresce a doppia cifra grazie all’e-commerce. Stando a italiaoggi.it, il merito è di nuove alleanze (l’ultima con Ikea per una scatola porta mattoncini), politiche inclusive (con la collezione di mattoncini in Braille). E anche di una spinta dovuta all’e-commerce e al ritorno dei giochi a casa. Complice magari il coronavirus.

Sentite i numeri di Lego Group: incremento del fatturato del 7% nel primo semestre dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2019, a 15,7 miliardi di corone danesi (equivalenti a 2,11 miliardi di euro). E le vendite? Sono aumentate del 14% rispetto al primo semestre del 2019, mentre l’utile operativo ha raggiunto quota 3,9 miliardi di corone danesi (520 milioni di euro), a +11% rispetto al 2019.

Soddisfatto l’ad Niels B. Christiansen: nel primo semestre sono arrivati i benefici di investimenti in iniziative di crescita a lungo termine, come l’e-commerce e l’innovazione del singolo prodotto. L’offerta ha attratto consumatori di tutte le età. Quando il Covid ha costretto alla chiusura di negozi e uffici, Lego ha fatto tutto il possibile per lavorare in sicurezza e portare i giocattoli ai bambini e alle famiglie di tutto il mondo.

Ma non è tutto. Dopo i set lanciati in collaborazione con Ikea, Levi’s, National Geographics e Nintendo, arriva anche il primo paio di scarpe frutto della partnership con Adidas. Le Lego Adidas: presentate in anteprima con un video pubblicato dai canali ufficiali dell’azienda danese. Per rivoluzionare il mercato delle sneakers. Vedi il video.

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI