Ultra statalizzazione: nel mirino le imprese del Sud

statalizzazione

Tiene banco la questione meridionale: vedi qui. Come risolverla? Il Governo Conte pensa anche alla ultra statalizzazione. Che fa seguito ad altri due possibili obiettivi: l’ingresso dello Stato in Autostrade e Ilva. C’è infatti il Fondo per la salvaguardia dei livelli occupazionali e la prosecuzione dell’attività d’impresa. Dove? È stato costituito dal ministero dello Sviluppo. Con un target preciso: intervenire nel capitale di rischio delle società in crisi e in cerca di acquirenti. I soldi in ballo sono parecchi: triplicano da 100 a 300 milioni di euro. 

Non solo. Prima, se l’azienda del Sud era quasi cadavere, in presenza di oltre 250 addetti lo Stato interveniva. Ora, se l’azienda del Sud è quasi cadavere, lo Stato interviene anche sotto i 250 dipendenti. Lo Stato che resuscita. Come una scossa al cuore per tornare a respirare. A una condizione: se l’azienda detiene beni e rapporti di rilevanza strategica per l’interesse nazionale.

Ma chi decide se l’azienda detiene beni e rapporti di rilevanza strategica per l’interesse nazionale? Cosa sono beni e rapporti di rilevanza strategica per l’interesse nazionale? Un doppio mistero italico. Non finisce qui: l’intervento per le piccole e medie imprese, sotto i 250 addetti, è consentito anche nei casi di autorizzazione dell’allungamento di sei mesi della Cassa integrazione straordinaria per cessazione. Il Fondo opera per i costi in capo alla società in relazione alla proroga. Quanti i tavoli di crisi rispetto ai 150 del 2019? Vedremo: le maglie si allargano. I vincoli sono molto più elastici e soggetti a interpretazione.

È uno Stato interventista, con potente capacità di penetrazione nel capitale delle imprese

È uno Stato interventista, con potente capacità di penetrazione nel capitale delle imprese. Da vedere se lo Stato sarà capace di fare l’imprenditore. Le liberalizzazioni degli anni 1990 avevano come scopo questo: meglio lasciar fare gli imprenditori ai privati. Snelli, efficienti, veloci. Ora, si va in direzione opposta. Un’ultra statalizzazione che si associa all’ultra assistenzialismo: leggi reddito di cittadinanza. La rivoluzione del M5S, col Pd a ruota pur di stare al potere. Con risultati tutti da verificare per l’economia italiana. Da vedere anche se questa politica economica piace all’Unione europea, specie ai Paesi frugali, che vogliono un’Italia proiettata verso il Nord Europa grazie a riforme moderne. Quella stessa Ue che deve prestarci i quattrini per la nostra sopravvivenza.

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI