Il debito buono di Draghi: cos’è?