5 consigli per pagare MENO sulla bolletta dell’energia elettrica

Bolletta energia elettrica

Con l’autunno che avanza la bolletta dell’energia elettrica schizza verso l’alto. Andiamo dunque a darvi cinque consigli per risparmiare nella spesa e rendere l’abitazione efficiente, pronta ai primi freddi. 

Soprattutto nei prossimi mesi sarà facile piombare in spiacevoli sorprese. Consumi e prezzi destinati ad aumentare, con centinaia di euro da mettere in preventivo in un anno, anche per la luce. Tuttavia, certi accorgimenti, se adottati, possono comportare un taglio significativo sull’importo da corrispondere.

Bolletta energia elettrica: guida al risparmio

La prima dritta utile è quella di sfruttare il più possibile la luce naturale di una stanza. Spesso accendere l’interruttore non è necessario per la visibilità, buona semplicemente alzando le tapparelle. In primavera ed estate la regola andrebbe applicata sempre, mentre in inverno – chiaramente – il discorso diventa più complesso. 

I consumi di luce più rilevanti sono da attribuire alle lampadine a incandescenza. Sostituirle in favore dei modelli a basso consumo recentemente introdotti in commercio è potenzialmente in grado di provocare un significativo contenimento sulle bollette dell’energia elettrica, fino al 90 per cento. L’ideale sarebbe adottare lampadari senza plafoniere, che altrimenti limiterebbero il raggio di azione. 

Punto secondo: se hai in programma di rinnovare gli elettrodomestici (la vicina settimana del Black Friday è una ghiotta occasione), guarda a quelli dalla classe A in su. Se invece preferisci tenere i prodotti già in tuo possesso, non abbassare la temperatura del frigo sotto ai 3 gradi e ricordati di sbrinare regolarmente il congelatore. Infine, spegni il forno alcuni minuti prima della fine della cottura. 

Come terzo passo, regola il termostato dei condizionatori affinché mantenga una differenza di temperatura non eccessivamente elevata tra interno ed esterno. Quarto step, spegni gli apparecchi che non usi. Meglio non attivare la modalità stand-by perché comunque c’è un consumo elettrico.

Per concludere, i piani tariffari delle società fornitrici di energia elettrica solitamente prevedono spese inferiori in fascia serale. Adeguati pertanto di conseguenza con la lavanderia, la lavatrice e la lavastoviglie. 

Hai le notifiche bloccate!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.