Cassa integrazione Coronavirus: quando datore li versa?

Cassa integrazione Coronavirus

In quali circostanze sono dovuti i contributi cassa integrazione Coronavirus? L’imprenditore che ha intenzione di accedervi è tenuto a versarli unicamente se ha la necessità di usufruire pure delle ultime nove settimane disponibili e ha avuto nel primo semestre 2020 una riduzione di fatturato nulla o inferiore al 20%.

Cassa integrazione Coronavirus: contributo addizionale introdotto dal Decreto Agosto

Il Decreto Agosto ha introdotto il contributo addizionale che ha confermato la cassa integrazione Coronavirus per altre 18 settimane, in aggiunta a quelle già programmate, aprendo un’ulteriore finestra temporale per il calcolo che inizia dallo scorso mese di luglio. L’art. 1 del Decreto Legge n. 104/2020, infatti, non ha stabilito un mera proroga, bensì ha inserito dei nuovi elementi nel meccanismo. Le 18 settimane si dividono in due tranche:

  • 9 settimane con accesso secondo le regole già emanate;
  • 9 settimane, con il pagamento di un contributo addizionale del 9% o del 18% in base alla percentuale del calcolo del fatturato.

Il “pacchetto” di settimane supplementare, fruibile dal 13 luglio al 31 dicembre 2020, si aggiunge, pur restando separato, a quello delineato con i Decreti Legge Cura Italia e Rilancio. Eventuali settimane residue del primo periodo non sono sommabili al secondo.

Autocertificazione indispensabile

Il datore di lavoro che inoltra domanda all’Istituto di previdenza nazionale per l’accesso alle seconde 9 settimane, che implicano il contributo addizionale, deve allegare anche un’autocertificazione sull’eventuale calo del fatturato. In assenza l’Inps applica l’aliquota più alta del 18%. 

Nel testo del Decreto Agosto sono emanate le direttive sui controlli. Sono disposti i necessari accertamenti alla sussistenza dei requisiti richiesti e autocertificati per il godimento dei trattamenti di integrazione salariale, ai fini delle quali l’Agenzia delle entrate e l’Inps sono autorizzati a scambiarsi le informazioni.  

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.