Coronavirus: come cambierà il lavoro entro il 2022

Cassa integrazione Coronavirus

Sono mesi ormai che il Coronavirus ha sconvolto la società. In tutti i sensi: lavoro, scuola, spostamenti, viaggi e relazioni sociali hanno subito un cambiamento radicale. Perciò diversi studiosi si chiedono se torneremo in breve tempo alla normalità o se, al contrario, qualcosa è definitivamente mutato. 

Coronavirus: sconvolgimenti entro il 2022

Per ottenere una risposta unica e incontrovertibile servirebbe un oracolo. In ogni caso, un articolo recentemente pubblicato dal New York Times ha preso a riferimento i viaggi e gli sviluppi previsti in generale sulla vita quotidiana entro il 2022. Stando al celebre quotidiano americano, gli incontri lavorativi saranno meno frequenti in presenza e si punterà maggiormente a quelli virtuali. Inoltre, diminuiranno pure le trasferte. Lo smart working coinvolgerà una consistente fetta di professionisti.

Sempre più aziende e grandi realtà punteranno al lavoro da remoto, anche al fine di contenere i costi. Ad oggi già diversi colossi dell’alta tecnologia si stanno muovendo in tale direzione. Twitter e Facebook sono due casi lampanti, disponibili a concedere l’opportunità di portare avanti l’attività direttamente da casa, per sempre; Google, invece, sta posticipando il ritorno agli uffici il prossimo anno. 

Spostamenti sempre più legati al fattore sicurezza

Conseguentemente, lo smart working, insieme all’istruzione e alla didattica a distanza, forniranno una spinta all’e-commerce. Ovviamente riporteranno le maggiori conseguenze quegli esercizi commerciali basati sulla presenza dei pendolari, lavoratori o studenti fuorisede, ovvero locali, bar e ristoranti. I viaggi di piacere potrebbero subire a loro volta scossoni considerevoli: i voli aerei, il concetto di viaggio e spostamento sono destinati a trasformarsi.

Saranno sempre più legati al fattore sicurezza e al desiderio di scoprire posti meno battuti e sicuri. Ciò si andrebbe a tradurre in pesanti ripercussioni sul turismo nelle metropoli, caratterizzate da lunghe file per entrare nei musei e nelle attrazioni turistiche. Lo scenario del New York Times è chiaro: la pandemia potrebbe aver cambiamento definitivamente il mondo e le abitudini delle persone. 

Hai le notifiche bloccate!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.