Governo italiano sotto attacco: “Bruciato ogni investimento”

Governo italiano

Federcontribuenti punta il dito contro il Governo italiano e la sua politica assistenzialista “estrema”. A ben vedere, tra sussidi e bonus vari, l’esecutivo presieduto dal primo ministro Giuseppe Conte pare aver confinato in una posizione secondaria le imprese, vale a dire coloro che desidererebbero creare posti di lavoro. L’emergenza sanitaria da Covid-19 e le susseguenti misure di contenimento adottate dall’Italia hanno fomentato il clima ostile verso la “casta”.

Federcontribuenti disapprova le manovre del Governo italiano

Federcontribuenti – lo ricordiamo – è una associazione senza scopo di lucro che si pone come obiettivo la tutela dei consumatori, delle aziende e dei contribuenti. Non supportato in alcun modo da finanziamenti pubblici, si prefigge la missione di assistere, lungo l’intero territorio nazionale, i vari soggetti, mettendo a disposizione la professionalità di consulenti dalla esperienza comprovata nelle specifiche materie.

Insomma, è ben al corrente dell’intera situazione economica: forte dei rapporti vicini a ciascun attore chiamato in causa, l’organizzazione ha deciso di esprimere una propria opinione sull’operato intrapreso dal Governo. E non ci è andata affatto giù leggera. Boccia, infatti, la politica attuata dai poteri forti su tutta la linea. 

Lo scoppio del Coronavirus è costato circa 100 miliardi di euro all’Italia, il Prodotto Interno Lordo ridurrà il potere di acquisto dei cittadini del 17 per cento e il pareggio di bilancio si è mosso di 7 punti percentuali. Naturalmente, il blocco dei licenziamenti non è servito a cancellare la pratica del lavoro in nero. Per la Pensione di Cittadinanza e il Reddito di Cittadinanza lo Stato ha speso sei miliardi e mezzo.

Bruciata ogni possibilità di investimento

Al contempo non viene creata occupazione, contrastata l’evasione fiscale o la povertà dei pensionati. Il Governo e tutta la futura classe politica – ha aggiunto Federcontribuenti in una nota – deve smetterla di dare soldi senza ritegno, agli enti pubblici, ai cittadini non iscritti all’anagrafe tributaria, per i cassintegrati senza controllare azienda e personale. Da un “Monti arraffa tutto” si è passato ad un approccio assistenzialista che ha bruciato ogni possibilità di investimento. 

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.