Documentazione contabile: vale anche la prova contraria

documentazione contabile

Nel dimostrare l’antieconomicità o inattendibilità della documentazione contabile, il giudice competente deve valutare gli elementi presuntivi dell’accusa ma anche della difesa. Con l’ordinanza n. 17372/2020, depositata in data 19 agosto, la Corte di Cassazione ha chiarito che l’organo preposto a decidere ha il compito di prendere in esame, oltre alle prove presentate dall’Ufficio, pure quelle del contribuente, che intende contestare tali presunzioni. 

Documentazione contabile: valgono anche gli elementi presuntivi del contribuente

La controversia in oggetto concerne il ricorso avanzato da un imprenditore esercente attività di taxista. Nella fattispecie, l’Agenzia delle Entrate – Riscossione aveva ricalcolato ricavi superiori rispetto a quelli dichiarati, recuperando a tassazione maggiori imposte ai fini Irap e Irpef. In sede di accertamento era stata, infatti, rilevata l’inattendibilità del ricavo giornaliero medio, nonché le spese di manutenzione e di consumo carburante. Così si è misurato nuovamente il costo medio di una corsa sulla base della lunghezza, delle tariffe regolamentari e del numero di km dichiarati. 

A conferma delle sentenza di primo grado, la CTR respingeva il ricorso dell’imprenditore e confermava la legittimità dell’avviso di accertamento emesso dall’Agenzia delle Entrate. La titubanza derivava da presunzioni gravi precise e concordanti non superate dal contribuente, rimasto privo di ogni sostegno probatorio. 

Cassata la sentenza impugnata

Il caso è dunque giunto alla Suprema Corte, la quale ha, invece, accolto il ricorso dell’imprenditore e cassato la sentenza impugnata; con rinvio alla Commissione tributaria regionale in differente composizione. Nel caso di specie la Commissione ha “bollato” l’accertamento dell’ufficio legittimo osservando che le doglianze di parte si riducessero a mere affermazioni.

Sono stati definiti inattendibili i ricavi dichiarati, irrisoria la remunerazione media per chilometro, eccessivamente ridotta la percorrenza giornaliera. La Cassazione ha espresso contrarietà alla pronuncia d’appello; “oscura e incomprensibile” in quanto priva di un ordinato ed esplicito chiarimento delle ragioni logico-giuridiche dietro al rigetto dell’appello.  

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.