CCSNews
pensioni-alte

Sanatoria cartelle | Pagare solo il 5% è possibile

La sanatoria cartelle esattoriali permette al debitore di rientrare del proprio debito nei confronti del fisco.

Sanatoria Cartelle, il problema delle liti pendenti

Pensioni-alte

Le liti pendenti sono quelle controversie che riguardano una lite tra il contribuente e l’Agenzia delle entrate, o più precisamente quelle in cui non si è trovata una soluzione. Tuttavia in queste liti è possibile anche fare ricordo alla giurisdizione tributaria, il cui ricorso sia stato notificato dall’Agenzia stessa.

E’ chiaro che oggetto del contendere è sempre una somma da pagare. In caso di ricordo pendente iscritto nel primo grado, la controversia può essere definita con il pagamento del 90% del valore della controversia. Ma le controversie possono essere definite con il pagamento del:

  • del 40% del valore della controversia (soccombenza in primo grado)
  • del 15% del valore della controversia (soccombenza in secondo grado).

Stralcio e iscrizione al ruolo

In deroga a quanto detto sembra sia possibile pagare anche solo il 5% del debito. Ciò che è certo è che il Governo Meloni ha deciso che tutte le cartelle esattoriali il cui valore è minore a mille euro saranno cancellate. Ma le cartelle dovranno essere iscritte al ruolo entro la fine del 2015.

Mentre per le cartelle fino al 2015, se di importo inferiore a mille euro e provenienti da Comuni, Regioni, gestioni previdenziali diverse da quelle pubbliche e amministrazioni locali in genere, dalla cancellazione si passerà allo stralcio. Nessuna cancellazione, il debito ci sarà e dovrà comunque essere pagato.

Cosa accadrà per le liti pendenti?

Subito dopo la dichiarazione del Governo in merito, molto contribuenti hanno provveduto all’opposizione. E sembra che così facendo, queste potrebbero essere pagare con molto meno. Percentuali che rispetto al debito originario va dal 5% al 20%.

Ma per avere questa agevolazione occorre che il ricorso, in primo grado, sia stato vinto dal contribuente. A questo punto l’agenzia potrebbe accordare uno sconto dell’80% e il debitore pagare solo il 20% del debito. Ma se già ci troviamo in gradi successivi, come il secondo, l’Agenzia potrebbe accontentarsi del pagamento solo del 5%.