Anticipo NASpI: per quali attività è possibile

Anticipo Naspi

Per intraprendere un’attività lavorativa autonoma, sottoscrivere una quota di capitale sociale di una cooperativa o avviare un’impresa individuale, il beneficiario dell’indennità NASpI può richiedere l’anticipo in un’unica soluzione. Nella circolare 174/2017 l’Inps ha chiarito i vari termini di compatibilità ed esclusione per accedere alla liquidazione. 

Anticipo NASpI: per quali attività è possibile inoltrare la domanda

Nello specifico, le attività per le quali è possibile inoltrare la domanda di anticipo NASpI sono: 

  • attività professionali esercitate da liberi professionisti anche iscritti a specifiche casse, in quanto lavoro autonomo;
  • attività di imprese individuali artigiane, commerciali, agricole;
  • sottoscrizioni di quote di capitale sociale di cooperative
  • costituzione di società unipersonali (S.p.A., S.R.L. o S.R.L.s.) caratterizzate dalla presenza di un unico socio
  • ingressi o costituzioni di società di persone (S.a.s. o S.n.c.) o di capitali (S.r.L.) poiché l’attività svolta dal socio a fini societari è qualificata fiscalmente come reddito di impresa

Delle categorie professionali impongono l’iscrizione alla gestione autonoma in quanto trattasi di attività di lavoro indipendente. La legislazione emanata in Italia puntualizza che i periodi di riferimento non sono utili né per il diritto né per la durata e la misura dell’indennità NASpI. Altresì detto, l’iscrizione alla gestione separata non costituisce un ostacolo alla concessione dell’indennità, ove il professionista presentante la domanda rispetti i requisiti normativi. 

L’Inps chiarisce gli oneri del beneficiario

L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale specifica che il beneficiario della prestazione ha il compito di informarlo entro un mese dall’inizio dell’attività cui i compensi si riferiscono, o dall’inoltro della domanda se la suddetta attività era già esistente, comunicando il reddito annuo previsto anche ove sia pari a zero. In caso di inottemperanza decade il diritto della prestazione stessa. Una condizione aggiuntiva riguarda proprio il reddito annuo, che non deve superare il valore di 4.800 euro. Sull’importo erogato è operata la trattenuta IRPEF secondo la normativa vigente. 

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.