Pensione 2020: tutti i modi per uscire dal mondo del lavoro

Pensione 2020

Il sistema italiano risulta tra i più complessi in tutto il Vecchio Continente, contemplando una serie di interventi che permettono di accedere alla pensione 2020 con età e contributi differenti. Tuttavia, a partire dal 2022, potrebbe suonare tutta un’altra musica. Mentre scriviamo esistono dieci opzioni attive sul territorio nazionale. 

Pensione 2020: i metodi in vigore nel sistema italiano

La prima è la pensione di vecchiaia raggiungibile a 67 anni per chi ha almeno versato 20 anni di contributi. Esistono, però, anche due varianti: 

  • quella anticipata per lavoratori affetti da un grado di invalidità civile con percentuale pari o superiore all’opera 80 per cento. Essa chiede almeno 20 anni di contributi e il compimento dei 61 anni di età per gli uomini e 56 anni di età per le donne;
  • quella contributiva è raggiungibile per chi ha almeno maturato 5 anni di anzianità contributiva una volta compiuti i 71 anni. 

Proseguendo nell’excursus, la pensione anticipata richiede 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne. La pensione anticipa contributiva è riservata unicamente a chi ha versato nel sistema puro, con 64 anni di età e la maturazione di 20 anni di contributi. Per accedere è richiesto che l’assegno sia pari a 2,8 volte il trattamento minimo Inps. 

Cosa potrebbe non esserci più nel 2022

Se il discorso si sposta sulla pensione quota 41, essa è esclusivamente riservata ai lavoratori precoci, ossia a coloro che hanno maturato almeno 12 mesi di contributi prima di compiere 19 anni. Questa pensione è raggiungibile al conseguimento dei 41 anni di contributi da caregiver, invalidi, disoccupati, gravosi ed usuranti.

A chi esercita una professione usurante è indirizzata pure la quota 97,6, che, come condizioni propedeutiche, fissa il compimento di 61 anni di età e il raggiungimento di 35 anni di contributi. Potrebbero infine ricevere proroga annuale, ma comunque sparire dalla circolazione nel 2022, l’ape sociale, l’opzione donna e la quota 100.  

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.