Pensioni, in arrivo anche la quattordicesima: requisiti e limiti di reddito

Oltre alla tredicesima, con la pensione di dicembre è in arrivo pure la quattordicesima. Non per tutti, ma esclusivamente per chi ha compiuto i 64 anni di età e rientri in determinate soglie reddituali. 

Tuttavia, la quattordicesima non consiste in una mensilità aggiuntiva, bensì in un supplemento della tredicesima. Abitualmente è corrisposta nel mese di luglio, in favore dei pensionati Inps presentanti un reddito inferiore a due volte il trattamento minimo mensile. 

Quattordicesima a dicembre: ecco per chi

Il mese prossimo l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale attribuirà il rateo della 14esima soltanto a coloro che, a partire dal 1° agosto 2020, abbiano maturato il requisito e dunque non hanno potuto avvalersi del “bonus”. 

Introdotta nel 2007 dal governo Prodi, la quattordicesima è riconosciuta ai pensionati del settore privato, ai pensionati del comparto pubblico, agli ex lavoratori dello spettacolo e dello sport professionistico, agli autonomi.

Tutti devono aver raggiunto, nel corso del 2020, i 64 anni di età. Inoltre, occorrerà rispettare anche precise condizioni di reddito annuale. Redditi per i quali l’Istituto di previdenza nazionale si riserva di eseguire accertamenti. Di conseguenza, avrà la facoltà di richiedere la restituzione, totale o parziale, dei soldi nel 2021. 

L’Inps corrisponderà l’assegno nel prossimo mese a titolo provvisorio, ma poi si occuperà degli accertamenti sulla base di quanto percepito di trattamento pensionistico nel corso del 2019, incrociando pure i dati con quelli dell’Anagrafe tributaria sulle dichiarazioni reddituali. Insomma, per chi è già pensionato non ci saranno variazioni degne di nota da registrare; mentre chi ha ottenuto l’accesso alla pensione del 2020 sarà sottoposto a maggiori controlli, proprio per risalire al livello di reddito versato al pensionato. 

La normativa inerente al conferimento della 14esima mira a tutelare coloro che hanno un reddito globale pari a un massimo di una volta e mezza il trattamento minimo annuo del FPLD fino al 2016. E fino a 2 volte di quello dal 2017.

Fattori da considerare

Più precisamente la quattordicesima verrà quantificata nel mese di dicembre in base a due fattori:

  • l’anzianità contributiva;
  • i redditi annui.  

Per ciò che attiene all’anzianità contributiva, andrà considerato chi ha fino a 15 anni (18 anni per gli autonomi) di contributi versati. Chi da 15 a 25 anni (fino a 28 anni per gli autonomi) di contributi e chi oltre i 25 anni (oltre 28 anni per gli autonomi). 

A seconda della fascia di anzianità contributiva di appartenenza, sarà rispettivamente versata una quattordicesima di 437, 546 o 655 euro per redditi annui lordi fino a 10.480,87 euro. La quota scenderà rispettivamente a 336, 420 o 504 euro, in relazione alla fascia di anzianità contributiva di appartenenza, per redditi più alti ma non superiori ai 10.698,87 euro.

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.