Pensioni, in arrivo anche la quattordicesima: requisiti e limiti di reddito

Oltre alla tredicesima, con la pensione di dicembre è in arrivo pure la quattordicesima. Non per tutti, ma esclusivamente per chi ha compiuto i 64 anni di età e rientri in determinate soglie reddituali. 

Tuttavia, la quattordicesima non consiste in una mensilità aggiuntiva, bensì in un supplemento della tredicesima. Abitualmente è corrisposta nel mese di luglio, in favore dei pensionati Inps presentanti un reddito inferiore a due volte il trattamento minimo mensile. 

Quattordicesima a dicembre: ecco per chi

Il mese prossimo l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale attribuirà il rateo della 14esima soltanto a coloro che, a partire dal 1° agosto 2020, abbiano maturato il requisito e dunque non hanno potuto avvalersi del “bonus”. 

Introdotta nel 2007 dal governo Prodi, la quattordicesima è riconosciuta ai pensionati del settore privato, ai pensionati del comparto pubblico, agli ex lavoratori dello spettacolo e dello sport professionistico, agli autonomi.

Tutti devono aver raggiunto, nel corso del 2020, i 64 anni di età. Inoltre, occorrerà rispettare anche precise condizioni di reddito annuale. Redditi per i quali l’Istituto di previdenza nazionale si riserva di eseguire accertamenti. Di conseguenza, avrà la facoltà di richiedere la restituzione, totale o parziale, dei soldi nel 2021. 

L’Inps corrisponderà l’assegno nel prossimo mese a titolo provvisorio, ma poi si occuperà degli accertamenti sulla base di quanto percepito di trattamento pensionistico nel corso del 2019, incrociando pure i dati con quelli dell’Anagrafe tributaria sulle dichiarazioni reddituali. Insomma, per chi è già pensionato non ci saranno variazioni degne di nota da registrare; mentre chi ha ottenuto l’accesso alla pensione del 2020 sarà sottoposto a maggiori controlli, proprio per risalire al livello di reddito versato al pensionato. 

La normativa inerente al conferimento della 14esima mira a tutelare coloro che hanno un reddito globale pari a un massimo di una volta e mezza il trattamento minimo annuo del FPLD fino al 2016. E fino a 2 volte di quello dal 2017.

Fattori da considerare

Più precisamente la quattordicesima verrà quantificata nel mese di dicembre in base a due fattori:

  • l’anzianità contributiva;
  • i redditi annui.  

Per ciò che attiene all’anzianità contributiva, andrà considerato chi ha fino a 15 anni (18 anni per gli autonomi) di contributi versati. Chi da 15 a 25 anni (fino a 28 anni per gli autonomi) di contributi e chi oltre i 25 anni (oltre 28 anni per gli autonomi). 

A seconda della fascia di anzianità contributiva di appartenenza, sarà rispettivamente versata una quattordicesima di 437, 546 o 655 euro per redditi annui lordi fino a 10.480,87 euro. La quota scenderà rispettivamente a 336, 420 o 504 euro, in relazione alla fascia di anzianità contributiva di appartenenza, per redditi più alti ma non superiori ai 10.698,87 euro.

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Total
0
Shares